domenica 27 gennaio 2013

Alla ricerca di testi antichi...

Per soddisfare la mia curiosità spesso mi ritrovo a ricercare su google books testi antichi riprodotti tra il 1500 e il 1900. Questi testi di solito sono scaricabili in formato pdf e abbastanza leggibili.
Ieri stavo scaricando alcune differenti edizioni della Biblioteca Storica di Diodoro Siculo per leggere il quinto e il sesto libro nel quale sapevo essere presenti delle informazioni sulla Sardegna antica e sugli Atlantidei, quando mi sono imbattuto in un testo del 1820 pubblicato da Sonzogno, con la volgarizzazione del Cavaliere Compagnoni dal titolo "Biblioteca Storica di DIodoro Siculo".
Potete immaginare la mia sorpresa quando, scorrendo velocemente le pagine, mi sono imbattuto in alcuno brani inseriti nel testo che da tempo desideravo leggere ma non riuscivo a trovare.
Il Cavalier Compagnoni infatti ha inserito nel suo libro anche la "Cronologia egiziana secondo Manetone" così come riportata da Eusebio di Cesarea, vescovo e scrittore greco vissuto a cavallo tra il III e il IV secolo d.C. Diodoro visse molto prima di Eusebio e probabilmente le sue conoscenze del passato erano più precise ma nella sua opera non descrive diffusamente le dinastie egizie, riporta solo i fatti e le notizie per lui più interessanti.
Continuando a frugare mi rendo conto che all'interno del libro si trovano altri tesori, per esempio le notizie di Beroso sacerdote caldeo sui suoi tempi.
 
Ora dunque vi lascio e mi accingo alla lettura del testo appena trovato.
 
A presto,

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

sabato 26 gennaio 2013

Paura

Sensazione mortale,
essenza della vita,
stimolo al coraggio che può tutto.

La prima volta e l'ultima, sempre uguale.
Ciò che cambia è il modo di viverla.

Ti senti scoperto fin dentro l'anima
ma è solo paura
paura di vivere.

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

martedì 22 gennaio 2013

Ricordi di uno splendido passato

Ricordi di uno splendido passato: Platone... il Timeo e il Crizia, due dialoghi conosciuti da secoli che hanno suscitato curiosità, stupore, incredulità e hanno dato vita a secoli di ricerche legate al mistero di Atlantide. Aristotele sul mito di Atlantide disse...

sabato 19 gennaio 2013

Le antichità di Beroso, sacerdote Caldeo

e di altri scrittori, ebrei, greci e latini che trattano le stesse materie.
 
Francesco Sansovino figlio dell'architetto Jacopo Tatti detto il Sansovino, nacque a Roma nel 1521 e morì a Venezia nel 1586. Il suo vero nome era probabilmente Giovanni Tatti (ma non ne sono certo) e fu un letterato che lavorò su tanti diversi argomenti, dalla storia all'agricoltura.
 
Tradusse moltissime opere, tra queste mi interessa particolarmente questa sulle antichità di Beroso sacerdote caldeo. Vi invito a studiarla, la trovate gratuitamente su google libri.
Vi avverto che il Sansovino tradusse anche alcune opere di un certo Giovanni Annio, in particolare "Antiquitatum vanarum" in cui erano riportati molti testi di dubbia provenienza. Inoltre io stesso, nonostante l'opera sia in italiano, ho trovato difficoltà nella lettura di alcune parti e nella traduzione in italiano corrente, vi invito dunque a prendere con le pinze le informazioni che vi potrete trovare.
Il testo è molto bello e tempo permettendo ve ne farò un breve riassunto per le parti più interessanti.
 
Il primo libro dell'opera inizia più o meno così: "Prima della rovina delle acque (del diluvio) a causa della quale perì tutto il mondo, ci furono tanti secoli di storia dei quali i Caldei conservarono fedelmente il ricordo. Essi scrivono che in quei tempi esisteva una città grandissima di giganti chiamata Enos, nei pressi del Libano, i quali comandavano sul mondo conosciuto, da oriente ad occidente."
 
Interessante riferimento ai giganti e alla loro città, Enos. Interessante anche il fatto che gli abitanti fossero dei giganti che comandavano sul mondo intero, un mondo fatto di genti normali.
 
"Questi giganti, confidando sulla loro grandezza e forza, furono gli inventori delle armi e degli strumenti musicali e di tutte le delizie umane, essi si diedero alla libidine e opprimevano tutti. Mangiavano gli uomini e facevano si che le donne abortissero per usarne i feti per fare delle ottime pietanze. Essi si mescolavano carnalmente con le madri, con le figlie e le sorelle, coi maschi e coi bruti e non esisteva scelleratezza che essi non ammettessero, infatti essi disprezzavano la religione e gli dei. "
 
Ma fermiamoci un attimo e vediamo di capire chi fosse questo Beroso e quanto sia attendibile.
Sembra che Beroso sia nato a Babilonia pochi anni prima di Alessandro il grande, intorno al 340 a.C. Beroso fu un sacerdote e in quanto tale conservava le scritture pubbliche e gli annali del re. Conosceva il greco e insegnò ad Atene discipline caldee tra cui astronomia. Gli ateniesi gli dedicarono una statua.
 
Per ora è tutto, ma nei prossimi giorni vedremo alcune informazioni proprio sul diluvio, anzi, sui diluvi.
 
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO   

domenica 6 gennaio 2013

Souvenirs de la Sardaigne: parte seconda

Come preannunciato la settimana scorsa, proseguo la traduzione dell'articolo della Revue des deux mondes, del primo febbraio 1863: "Souvenirs de la Sardaigne" del Conte di Minerva.

Per chi non avesse letto i precedenti ecco il link alla prima parte dell'articolo.

Ricordi dell'isola di Sardegna
del Conte di Minerva
(Parte Seconda)
 
Il cavaliere che aveva appena attirato la mia attenzione si separò prontamente dal gruppo dei curiosi; egli aveva riconosciuto in me lo straniero che il signor Feralli attendeva, e teneva a rimettere senza ritardo una lettera che il mio ospite mi indirizzava.
Il signor Feralli mi annunciava che trattenuto da alcuni ostacoli imprevisti in un paese vicino, Alghero, non era potuto venire egli stesso fino a Porto Torres. Il suo amico, il signor Gian-Gianu, uno dei ricchi proprietari - pastori dell'isola, l'aveva sostituito.
Quell'amico cortese si trovava di fronte a me, lo capii immediatamente, e così tesi la mano al signor Gian - Gianu che solo in quell'istante si tolse il suo cappello frigio dicendomi: Ello non parla italiano?
Gli risposi che parlavo l'italiano molto male, ma che ero in grado di capirlo abbastanza bene. Visibilmente soddisfatto il giovane uomo mi strinse ancora una volta la mano e mise a mia disposizione un cavallo affidato ad uno dei suoi domesticiche lo teneva alla briglia a qualche passo da noi. Il domestico indossava, come la sua guida, il costume degli antichi abitanti dell'isola: solo un rozzo cappotto in lana nera sostituiva il "collete".
"Noi possiamo - mi disse Gian-Gianu - scegliere tra due strade diverse per giungere alla cittadina di Alghero, dove il signor Feralli è stato trattenuto. Si potrebbe raggiungere Alghero passando per Sassari oppure attraversando le montagne della Nurra e Porto Conte. La prima strada è più corta e meglio tracciata ma meno interessante, la seconda invece, più pittoresca, ci offrirebbe anche l'occasione di incontrare il signor Feralli a Porto Conte in quanto egli stesso dovrà fare una escursione con alcuni amici nei pressi di quella borgata. Da Porto Conte ripartiremo con il signor Feralli sulla barca da lui utilizzata per recarvicisi."
Non era il caso di esitare: optai per la strada di Porto Conte. Qualche minuto dopo stavamo in piena campagna. Davanti a noi si estendeva una terra molto bassa, talvolta arida e rocciosa, talaltra verdeggiante, fino alla riva del mare. Quà e là apparivano delle povere abitazioni o qualche cespuglio di lentisco. Delle piante di aloe e dei cactus bordavano il sentiero. Un grande silenzio regnava su questa pianura spopolata dalle febbri. La superammo felicemente. Dalla seconda ora di marcia ci inoltrammo nella macchia di lentisco e di palme nane che si inframezzavano alle rocce di altezza ineguale. Poco alla volta gli alberi rimpiazzarono i cespugli. Una curva della strada ci condusse al più alto gradino di un anfiteatro circondato da muratura in pietra a secco tappezzata da viti rampicanti. Questi montarozzi, questi gradini interrompevano più d'una volta la marcia del viaggiatore. Quando se ne discende ci si ritrova in stretti passaggi nascosti sotto il lentisco, dove si passa con gran pena, incrociando di tanto in tanto una fila di buoi dal corpo esile e dalle corna lunghe e aguzze. Il pastore, coperto da una pelle d'agnello si ritira al vostro avvicinarsi, immobile come una statua, seguendovi con lo sguardo. Infine si intravvede una qualche larga uscita: il passaggio coperto diviene una gola. già appaiono le linee bluastre delle cime lontane, immerse nella luce. Alla fine della gola ci si trova di fronte all'aperta campagna, piena di sole e di vapori dorati e che confina in lontananza con una catena di rocce grigiastrefieramente stagliate contro l'azzurro del cielo.
 
Ora mi interrompo, la prossima parte la settimana prossima, a presto.
 
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO   


Origine dei Numeri Primi, di Filippo Giordano

Cari amici, oggi vi presento un libro che si occupa di uno dei più interessanti problemi della matematica, la distribuzione dei numeri primi:
 
La legge matematica che regola la distribuzione dei numeri primi... bene, non si tratta di un romanzo! Almeno spero. Inizio la lettura sperando di trovare qualcosa di interessante, la matematica è una delle mie passioni.
Filippo Giordano, l’autore, ci racconta ciò che sa e ciò che ha scoperto usando la sua vita come trama. Così, tra un po di storia della matematica ed un esempio per chiarire concetti non sempre facili da capire, abbiamo modo di entrare nel suo mondo, conoscere la sua famiglia, pregare per i suoi morti. C’è una legge matematica in grado di stabilire la sequenza dei primi nel contesto dei numeri naturali? Questo si domanda l’autore, come tanti matematici hanno fatto prima di lui, d’altronde. I numeri primi sono infiniti? Euclide, 2300 anni fa, ha risposto alla domanda... si, i numeri primi sono infiniti. La congettura di Oppermann e quella di Goldbach... spiegate con pratici e semplici esempi... svelano grazie alle parole dell’autore, tutta la loro misteriosa bellezza.Per capire, per crescere, per andare avanti, per superare il limite già raggiunto da te stesso o da altri "devi essere disponibile a sgomberare la mente da eventuali preconcetti"... solo così sarai in grado di andare oltre. E lui, l’autore, il nostro Filippo Giordano, "oltre" è riuscito ad andare... forse molto al di la di quanto lui stesso avrebbe mai creduto.Che ci faccio di questa scoperta? La domanda se la pone l’Autore durante una visita al cimitero... Dio gli manda la risposta, diffondila! Bellissimo libro... di matematica e di filosofia, da leggere e rileggere e se Filippo Giordano ha visto bene, probabilmente resterà nella storia della matematica!
 
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

martedì 1 gennaio 2013

Sono solo formulette

Cari amici, vi presento un libro... Sono solo formulette.
 
 
Sono solo formulette, come dice l’autore, Generoso Urciuoli, è un libro divulgativo sull’Egitto, o meglio su alcuni aspetti dell’antico Egitto: magia, formule e rituali per superare il momento della morte. Questo splendido popolo, oltre ad averci lasciato degli immensi monumenti sembra infatti che sia riuscito a fornire una soluzione al grande dubbio che circonda il momento della morte. "Heka" come magia, cioè l’arte di dominare le forze occulte della natura e di sottoporle al proprio volere per sfruttarne la potenza, nel bene e nel male. "Medu" era la forza di far animare e vivere l’oggetto su cui era posta, di donare l’immortalità... a patto che la materia che lo costituiva potesse resistere al tempo! Generoso Urciuoli dichiara che il suo scopo è quello di incuriosire il lettore dando la possibilità di approfondire la civiltà nilotica. Anche io scrivo per lo stesso motivo e dunque condivido qualcosa, oltre la passione per l’Egitto, con l’autore.Perché leggere il libro? Perché è curioso e avvincente. E allora cosa aspettate, regalatevelo per Natale, a soli 7,70 euro.
 
Se volete leggere l'anteprima o acquistarlo visitate il sito: ilmiolibro.it
 
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

La principessa Tuttabella e lo scheletro Pauroso

Cari amici, inizio il nuovo anno con la recensione di un libro per bambini, favole da leggere rimboccando le coperte...
 
Mario Eliantonio è un nonno che decide di affacciarsi al mondo della scrittura grazie anche alla fervida fantasia del nipote, appassionato di storie di pirati e fantasmi. Così la storia del pirata Bacicin Baciccia, del suo galeone "San Felipe", del suo pappagallo che sembra un corvo, si intreccia con quella della splendida principessa Tuttabella, del principe Vladimiro suo promesso sposo, del re Mago Nero e del suo esercito degli scheletri ed uno di essi in particolare, lo scheletro Pauroso! Il racconto è ricco di colpi di scena e generalmente adatto ad un pubblico di bambini, da leggere di fronte al camino o prima di rimboccare le coperte e augurare la buona notte al nipotino. A tratti vengono affrontati anche temi legati alla morale, per esempio si spiega con parole semplici l’utilità di pagare le tasse per garantire lo sviluppo sociale. Il prezzo da pagare per avere il libro nella vostra libreria è di € 15,00, forse un tantino esagerato, ma il libro è carino e se letto con intonazione può evocare in chi ascolta le immagini di una bella storia avventurosa. Buona lettura dunque e se siete nonni ricordate di fermarvi di tanto in tanto per dare spazio ai nipotini affinchè possano sviluppare la loro fantasia.
 
Se volete leggere l'anteprima e magari acquistare il libro potete visitare il sito: ilmiolibro.it
 
 
 
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Traduttore - Translator

Post in evidenza

Radioattività elevata sull'Europa? Colpa del Rutenio-106, ma da dove proviene?

La notizia è apparsa i primi di ottobre, ma come al solito in Italia è passata sotto riga. Fatto stà che da ieri se ne riparla sui giorn...