venerdì 9 marzo 2012

LA BABELE AFGHANA 2

Dopo LA BABELE AFGHANA eccovi LA BABELE AFGHANA 2!

Ebbene si! Non si può dare per scontata una cosa che subito arriva la smentita. Nella precedente puntata avevamo tentato una disamina enciclopedica delle lingue parlate in Afghanistan. Cari amici mi dovete scusare, ma ho commesso una terribile leggerezza che vi vado ora a raccontare anche per completare il discorso.
Dunque recentemente sono capitato per lavoro a Kandahar ed, assorto nelle mie elucubrazioni storico macedoni, mi imbatto in mensa in una lingua familiare che non praticavo da un po’: riconosco la cadenza del sud della Germania in un collega tedesco. Ma subito dopo mi incuriosisce lo slavo di un gruppetto nel tavolo oltre:  cechi, è facile, hanno la bandiera sulla manica… Poi una roba che sembra finlandese…a fatica riconosco un estone, poi incontro un collega turco -“Gunaydin”-, ed ecco un francese, un australiano, un rumeno, un polacco! Mi chiamano i colleghi spagnoli “?como esta usia mi Coronel?”, mi presentano l’americano che ci farà il briefing, “How you’d doing?”. Con lui c’è un “contractor” russo (ma pensa!) “Dobri dien, kak Vi pascevaizie?”, passa un italiano -“Ciao”-… mi perdo…
La sera faccio il punto: in Afghanistan solo per ISAF lavorano 130.800 persone, più tutte le NGO’s e l’ONU. Un esercito di lingue importate!
Per facilitarne l’analisi e rimanendo solo in ambito ISAF ho raggruppato:
- Gruppo del nord Europa: inglese, norvegese, svedese, tedesco, olandese, danese, islandese, gaelico, lettone, lituano, svedese;
- Gruppo del sud Europa: italiano (e vai!), spagnolo, portoghese, francese, greco (ma si può metterlo qui il greco moderno? Boh!), rumeno;
- Gruppo dell’est Europa: russo, bielorusso, ucraino (ceppo slavo orientale), polacco, ceco, slovacco (ceppo settentrionale),  serbo-croato, bulgaro, sloveno, macedone (slavo del sud);
- Gruppo altre lingue non Europee: finlandese, estone, ungherese, greco (se non li, qui), turco, azero, armeno, georgiano, arabo.
E passiamo a qualche rarità: coreano, malese, mongolo.
Per finire con una chicca: il contingente delle isole Tonga, che lingua parla? Il tongano, lingua austronesiana, polinesiana-tonghica.
Nel mio viaggio a Kandahar ho scoperto che avevo tralasciato una fetta importante di lingue dell’ Afghanistan perché oltre a chi le parla come madrelingua, ci sono molti afghani che le parlottano per motivi commerciali.
Siete ancora convinti che Babele sia solo una leggenda?

Livio CIANCARELLA

sabato 3 marzo 2012

Sanremo 2012 - Duetto Matia Bazar e Al Jarreau, "Parla più piano" theme di Il Padrino


www.youtube.com

Incollato a questo video per secondi, poi minuti, infine ore. Attratto, rapito e posseduto da questa emozione senza fine, senza tempo, senza spazio, coinvolgente, totalizzante. L'animo penetrato da un dardo di adrenalina che dentro espande, struggendo, vibrando; poi risuona, rigenerando, purificando; infine inspira. Violini d'ambiente e significati di passioni vissute e mai dimenticate. Non riuscire a sfuggire da queste due unicità a confronto: Al Jarreau, Silvia Mezzanotte che realizzano col loro complemento una sintesi artistica essa stessa individualità. Lampi intensi, subito esplosivi al picco, rilasciano gradatamente energia, sfumando in leggerezza: la femminilità di quel muovere di mano, in quella mise onirica, nel calore di quell'acuto di voce di donna, pulita, a tratti sapientemente sfumata, morbida, dolcemente potente; il genio di un vecchio dalle particolarità sonore figlie di una passione senza età, fatta di decenni e decenni di piacere per la propria espressione canora, con quelle apparenze bambinesche nello scimmiottare di sonorità strumentali che danno agli strumenti stessi dignità di usurpatori. Sguardo dentro sguardo. Tonalità su tonalità. Armonie convergenti, complemento di intimità artistiche, si cercano, si incontrano, si scontrano, si completano, si risolvono in una totalità d'arte che eccede la somma delle loro esistenze vocali ed espressive.
Dedicato a chi ha fatto della propria vita la sua arte; ma anche a chi non sa di essere unicità, a chi si contesta continuamente, a chi si cerca e pensa di non riuscire a trovarsi; a chi forse un giorno scoprirà che in questo cercarsi all'infinito, in questa contraddizione d'animo, in questo non darsi per scontati, in questo sentirsi sempre e di nuovo al punto di partenza, in bilico tra un battito e l'altro del cuore, in tutto questo turbinio sta l'armonia e la bellezza di una vita, la nobiltà delle proprie passioni, la bontà d'animo, la purezza di intenti; a chi invece, Dio mio!, non lo scoprirà mai e farà della sua vita il percorso pazzo, incerto di stella vagante nel firmamento alla ricerca di una galassia che sembra non trovarsi mai, nella inconsapevolezza di essere a sua volta fonte, origine, svolgimento e termine di passioni, vita, amore, emozioni. Di essere arte, per l'appunto: importanza, necessità per un'altra stella, altre stelle perse chi sa dove in attesa di attrazione, rifugio, conforto.


Orazio Danilo RUSSO

Post in evidenza

Guglielmo Marconi, un genio italiano

Guglielmo Marconi morì a Roma il 20 luglio del 1937, esattamente ottant’anni fa, per un attacco cardiaco. Con lui scompare un grande prot...