martedì 27 aprile 2010

Cronaca di una gita domenicale (25 aprile)

Vista la bellissima giornata, decidiamo di fare una gita fuori porta, destinazione Santa Teresa di Gallura.
Attraversato il paese, prendiamo la direzione di Capo Testa, estrema punta a nord-ovest della Sardegna.
Lo spettacolo che si offre ai nostri occhi è incantevole, un mare cristallino, un stupenda insenatura, denominata "Cala Espinosa" di difficile accesso (non per noi), ma vale la pena di una scarpinata.
Bello anche il faro con tutto il contorno di rocce granitiche modellate dal vento e dal mare. Nelle vicinanze si trova la "valle della luna" . Ci inoltriamo a piedi per un sentiero, alla fine del quale ci troviamo davanti due rocce gigantesche spezzate a metà con precisione, opera di epoca romana, che delimitano l'ingresso della valle.

La valle si apre ai nostri occhi, stupenda!!
Si respira il profumo delle essenze, il mirto, il ginepro e il lentischio.
Sono evidenti i segni di antiche cave di granito, sempre di epoca romana, che pare sia stato utilizzato per importanti edifici, come il pantheon nella città capitolina.
La valle, anni addietro, era famosa per essere popolata dagli yuppies e dai naturisti.

Gavino and Paola

domenica 25 aprile 2010

Tanti auguri... Accademia!

Un altro anno é passato... e siamo a tre!


L'Accademia continua a crescere, nuovi lettori da settanta paesi nel mondo, nuovi collaboratori, nuove idee...

Ma vediamo qualche numero e soprattutto se é stato raggiunto l'obiettivo dell'anno...
andiamo dunque a vedere cosa ci eravamo riproposti un anno fa, al compimento del secondo anno:

1. 200.000 pagine lette;

2. iniziare la traduzione in lingua inglese di alcuni articoli... diciamo una decina;

3. trasformare l'Accademia in una associazione vera e propria.

Mentre scrivo, le pagine visitate sono 124.627 dunque anche quest'anno primo obiettivo non raggiunto!

Per quanto riguarda le traduzioni in lingua inglese idem; devo però ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato a tradurre la poesia "Candu ses tristu" in varie lingue del mondo.

Ed infine l'Accademia ancora oggi é tutt'altro che una associazione registrata...

Che dire dunque, forse é arrivato il momento di chiudere questa bella esperienza?

Ebbene, ancora una volta NO... l'Accademia continua i suoi studi!

Ancora una volta si prosegue lungo la strada tracciata, fissando nuovi obiettivi, magari più raggiungibili.

Ecco gli obiettivi per l'anno venturo:

1. 200.000 pagine lette;

2. proseguire nella traduzione di alcuni articoli e poesie in altre lingue;

3. trasformare l'Accademia in una associazione vera e propria.

E, come al solito, cercherò di stimolare la discussione e l'approfondimento di argomenti poco conosciuti e della storia antica in generale!

E allora grazie a tutti, grazie ai lettori, grazie ai Tuttologi collaboratori, grazie a chi ha espresso il suo dissenso per mezzo di critiche che io considero sempre utili e costruttive... grazie in anticipo a chi lo farà in futuro...

e all'Accademia tanti auguri per il suo terzo compleanno!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

sabato 24 aprile 2010

Risotto con asparagi e pancetta

Avete dimenticato i sapori di una volta?
Non avete mai provato gli asparagi nel riso?
Perché aspettare ancora?

E' sufficiente un mazzetto di asparagi, meglio se raccolti lungo un viottolo per le campagne della Sardegna, un pezzetto di pancetta affumicata condita con pepe nero e una mezza cipolla dorata... il resto lo fa l'olio extra vergine d'oliva ed un buon riso che non scuoce mai...

Un consiglio, abbondate con gli ingredienti e fate solo il primo piatto!

Magari, visto così, potrebbe non piacere, ma se gli ingredienti sono di buona qualità e la preparazione é corretta... vi garantisco che c'é da leccarsi i baffi!

E allora iniziamo:
Padella con abbondante olio d'oliva sul fornello, cipolla quanto piace a voi, un pomodoro secco tagliato a dadetti (oppure un dado vegetale!) e poi la pancetta affumicata...
Mentre il tutto soffrigge, tagliate i gambi degli asparagi (piegateli con le mani, si spezzeranno da soli, buttate via la parte inferiorep erché dura o gommosa) tagliate poi le cime e aggiungetele al soffritto.
Se volete curare l'aspetto del piatto (cosa alla quale di solito io non bado molto!) lasciate da parte qualche cima di asparago, da bollire con i gambi...

Avete aggiunto le cime tagliate fini fini al soffritto?
Se si, possiamo proseguire...

Bastano pochi minuti... la cipolla e la pancetta dovrebbero ormai aver cambiato colore... e così gli asparagi...
E' arrivato il momento di aggiungere il riso!

Ora si tratta solo di aver pazienza...
Io di solito lascio evaporare tutta l'acqua e poi di tanto in tanto ne aggiungo dell'altra... occorre seguire la creazione istante per istante, assaggiando ogni tanto e se occorre correggendo il sapore... ma alla fine il risotto è pronto.

Potrete usare i gambi e qualche cima, messi a lessare nel mentre, per guarnire il piatto.

Una volta versato il riso nel piatto ho aggiunto un filo d'olio d'oliva a crudo, una spolverata di pepe nero, se vi piace, non sta male...

Il piatto é servito, buon appetito!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

domenica 18 aprile 2010

Addio Raimondo...

Come in tutte le buone famiglie,
quando arriva il momento dell'ultimo addio,
ci si raccoglie attorno al capezzale del proprio caro
e lo si saluta secondo il proprio uso.

C'é chi piange in silenzio raccolto,
c'é chi urla il proprio dolore,
c'é chi festeggia la partenza del proprio caro per un luogo migliore...

Noi non ti abbiamo conosciuto direttamente,
ma tu sei stato presente nella nostra vita, sin da piccoli,
sempre assieme alla tua Sbirulino.

Non possiamo essere presenti al tuo capezzale perché siamo lontani,
ma possiamo comunque omaggiarti con quest'ultimo saluto,
e con la promessa di portare sempre con noi il tuo ricordo così,
ogni volta che rileggeremo queste poche frasi,
il nostro pensiero andrà a te,
come ad un carissimo nonno!

dunque addio, Raimondo!
e a te Sandra un caro abbraccio,
come ad una inconsolabile, carissima nonna...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

domenica 11 aprile 2010

A Nicolò...

Una nuova vita sulla Terra...
nuove speranze, nuove gioie...
Auguri ai genitori, auguri ai nonni,
urla il Sole appena sorto!
Auguri al nuovo nato, risponde la Luna,
facendo l'occhiolino da sopra le nubi...
Auguri dal Mondo, fà eco la Terra,
e a Nicolò il suo Destino!

Benvenuto in famiglia!
Diciamo Noi Tutti,
ben venuto alla vita, nipotino!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

sabato 10 aprile 2010

Gita sul lago di Como... Tremezzo e villa Carlotta

Dietro la bellezza della villa Carlotta, dei suoi giardini, delle sue bellissime camelie, si nasconde una lacrima di tristezza...

A Tremezzo, sul ramo occidentale del lago di Como la bellissima villa, con i suoi giardini, ancora oggi ci consente di passare una bella giornata primaverile...

La villa é oggi gestita dall'Ente Morale Villa Carlotta, costantemente impegnato nel suo mantenimento...
Ma che dire del passato?

La villa viene costruita verso il 1690 ad opera del Marchese Giorgio II Clerici. Passa poi di mano in mano... da Antonio Giorgio alla figlia Claudia, fino a giungere ai Sommariva.

Gian Battista Sommariva la acquista nel 1801.
Amico di Napoleone spera di poter proseguire la sua carriera politica in Italia grazie al suo appoggio e a seguito della nascita della Repubblica ma gli viene preferito Francesco Melzi, proprietario della villa di Bellagio, proprio di fronte, sull'altra riva del lago...
Finita la carriera politica si ritira nel silenzio e comincia a raccogliere opere d'arte trasformando la villa in un museo.
Una delle sue opere preferite era la statua di Palamede che forse a causa della sua triste fine, incappò infatti nell'ira di Ulisse per averlo smascherato e costretto a partire in guerra, gli ricordava per certi versi la sua vita...

E' il 1843 e dopo la morte di Gian Battista Sommariva e dei suoi diretti discendenti la villa viene acquistata dalla moglie del principe Alberto di Prussia, Marianna.
Pochi anni dopo, nel 1847, viene regalata alla figlia Carlotta quale dono di nozze. Carlotta si sposa con il granduca Giorgio di Sassonia-Meiningen. Saranno proprio loro ad arricchire il giardino con piante da tutto il mondo...

Carlotta purtroppo morirà a soli ventitré anni... senza potersi godere la sua splendida villa!

Quando si entra nelle ricche sale si può ancora percepire la sua presenza...

Così ammiriamo la Maddalena penitente del Canova...e pensiamo a lei...

La percepiamo ogni volta che ammiriamo una statua... un quadro... un mobile di rara bellezza...

E' sempre lei che ci accoglie, come Venere tra le braccia del suo Marte é lei che ci stupisce nell'abbraccio di Amore e Psiche e ancora a lei che si rivolge il pensiero mentre ammiriamo il bacio di Hayez dell'ultimo addio di Romeo e Giulietta...
Possiamo immaginarla accogliere gli ospiti del marito e accompagnarli nella sala rossa o assistere alla preparazione della tavola nella sala degli arazzi...
E sempre lei che ci torna alla mente mentre attraversiamo il giardino, tra altissimi platani, sgargianti rododendri... camelie... nespole fiori multicolori e dai profumi delicati...o piccoli arbusti dalle strane forme...


Ci fermiamo sfiniti ad ammirare il lago... oltre l'azzurro del lago si intravvede Bellagio... e la villa Melzi...

E infine salutiamo lo spirito di Carlotta che ci ha accompagnato per la sua villa, ringraziandola, promettiamo di tornare... un giorno...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

venerdì 9 aprile 2010

Francesco Bacone e la sua opera...

A chi non é mai capitato di imbattersi, durante amene letture, in Francis Bacon?
A me é capitato tante volte ma non avevo mai trovato un suo testo... almeno fino a due settimane fa!

"Francesco Bacone, ovvero Francis Bacon o ancora Francisci De Verulamio, nasce a Londra nel 1561. E' figlio del Lord Guardasigilli della Regina Elisabetta, e ciò gli consente di dedicare i suoi anni della gioventù allo studio. Divenne un politico ma continuò a studiare e scrivere per tutta la vita ad un suo immenso progetto di riforma del sapere universale, la Instauratio Magna.
Muore nel 1626, all'età di 65 anni, dopo una vita movimentata, lasciando ai posteri un ricco patrimonio di studi e scritti di ogni genere."


Qualche settimana fa mi sono infatti imbattuto in una delle sue opere, incompiuta, il Nuovo Organo. Scritto per aforismi, si riproponeva di delineare un nuovo metodo scientifico che aiutasse gli studiosi nelle indagini sulle "forme" dell'universo... le sue Leggi, per intenderci!

"Poco dopo la sua morte, nel 1627, viene pubblicata la sua opera più conosciuta, New Atlantis..."

In quella che probabilmente sarebbe stata la prefazione alla Instauratio Magna si legge:

"Perché la situazione delle scienze non é ne felice ne più progredita; perché si deve aprire all'intelletto umano una via del tutto diversa da quella conosciuta in passato; e perché si devono preparare altri aiuti, affinché la mente possa esercitare sulla natura delle cose il dominio che ad essa spetta di diritto [..] e presso il popolo hanno molto successo o le dottrine polemiche e combattive o quelle di bell'aspetto e vuote, tali cioè da sedurre o da allettare l'assenso. Perciò i migliori ingegni di ogni epoca subirono certamente violenza; mentre uomini di acutezza non comuni, e tuttavia preoccupati della propria reputazione, si piegarono al giudizio del tempo e della massa. Di conseguenza, se anche in qualche momento sorsero speculazioni alquanto profonde, esse furono subito sconvolte e spazzate via dai venti delle opinioni volgari. Così il tempo, come un fiume, ha trasportato fino a noi cose leggere e gonfie, mentre a lasciato andare a fondo cose pesanti e solide..."

Ecco, questa prefazione mi ha colpito... perché Bacone, con poche parole, ci dice che ai suoi tempi si sapeva veramente poco del passato, ci dice che la scienza é basata su pochi resti del passato, spesso proprio i resti meno validi, mentre le scoperte importanti sono state cancellate dal lento trascorrere del tempo e dalle vuote opinioni della massa!

Come non condividere?

Alla prossima!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

martedì 6 aprile 2010

Gita a Bellagio e i giardini di villa Melzi

Mi alzo presto, non sono neanche le sette...
I primi raggi del sole colorano il cielo di un azzurrino pallido, quanto basta però per la nostra gita: destinazione Bellagio, sul lago di Como!

Il lago é sempre stupendo...
la strada stretta ti tiene sempre impegnato alla guida, ma di tanto in tanto una piazzola a bordo strada ti consente di fermarti... ed ammirare stupito l'opera della Natura.

Sulla destra rivoli e cascate, sulla sinistra il lago...

Procediamo lentamente,
cercando di non perderci niente...
La giornata é luminosa e finalmente arriviamo... Bellagio... di fronte a noi... intorno a noi!

La passeggiata lungo il lago é ricca dei colori della primavera appena arrivata. Le vette ancora innevate incorniciano il lago che risplende ancora di più.

Sulla sinistra la villa Melzi e i suoi giardini... sulla destra il piccolo paese con i suoi tremila abitanti.

Decidiamo di visitare prima i giardini di villa Melzi.
La villa risale ai primi dell'Ottocento.
Costruita per Francesco Melzi d'Eril, duca di Lodi e vice presidente della Repubblica Italiana nel periodo Napoleonico.

I giardini sono dei veri e propri orti botanici e vi si possono ammirare alberi provenienti da ogni parte del mondo... dalle enormi sequoie alla profumatissima canfora, abbelliti da statue e fioriti sentieri silenziosi e riposanti...

Non é difficile credere che Liszt vi si trovasse così bene da comporvi i suoi pezzi migliori, all'ombra della statua di Dante e Beatrice...

In un piccolo padiglione vicino alla villa antichi reperti ci ricordano la storia d'Italia... vasi etruschi, cannoni della fine del '700, ritratti e mezzibusti...

Un promemoria ci ricorda chi fu Francesco Melzi d'Eril...
Di famiglia nobile, nato a Milano nel 1753, girò per l'Europa rendendosi conto della situazione politica di quegli anni difficili.

Qualche anno dopo, quando Napoleone scese in Italia, é lui a discutere la posizione dell'Italia di allora. Siamo nel 1802, nasce la Repubblica Italiana, napoleone é Capo dello Stato, Francesco Melzi d'Eril é nominato vice presidente della Repubblica. Qualche anno dopo Napoleone trasforma la Repubblica in Regno d'Italia... con ciò finisce l'avventura di Melzi che si ritira a vita privata. Con la fine di Napoleone, l'Austria si riappropria di Milano.
Nel 1816 Melzi muore in Milano...
lasciando all'Italia il ricordo di se e a tutti la sua splendida villa e i giardini...

Poche righe di storia non possono annoiare... così vi saluto e vi invito a visitare lo splendido paese di Bellagio, piccolo paese sul lago di Como.

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Post in evidenza

Guglielmo Marconi, un genio italiano

Guglielmo Marconi morì a Roma il 20 luglio del 1937, esattamente ottant’anni fa, per un attacco cardiaco. Con lui scompare un grande prot...