domenica 24 maggio 2009

La scrittura ai tempi della guerra di Troia

Spesso si sente dire che Iliade ed Odissea siano state tramandate oralmente e poi solo molti secoli dopo raccolte e pubblicate...
Ma cosa c'é di vero in questo?
E per quale motivo gli antichi avrebbero dovuto tramandare questi poemi oralmente, senza scriverli?

Di solito si dice che la scrittura, a quei tempi non esisteva (ricordo che attualmente si pensa che la guerra di Troia sia avvenuta intorno al 1280 a.C.), ma siamo sicuri che ciò sia vero?

A me risulta che le cose siano ben diverse...

Troia é situata in Asia Minore e se andiamo a vedere le popolazioni che confinavano con la Troade in quei periodi vi troviamo senza fatica popoli che la scrittura la conoscevano eccome!
Forse non conoscevano la scrittura greca... teoricamente venuta dopo, ma sicuramente conoscevano la scrittura cuneiforme e geroglifica!
Ad est della Troade si trovavano le terre di Hattusa, le terre del popolo che noi conosciamo col nome di Ittita. Di questo popolo abbiamo testimonianze scritte anche antecedenti al 1300 a.C.!
Esistono anche testi che parlano di una città di nome Wilusa che da alcuni studiosi é identificata con Ilios/Troia!
La vita in quel tempo era probabilmente molto più globalizzata di quello che oggi normalmente si pensa... ma questa é solo una mia opinione!

Torniamo all'argomento iniziale... la scrittura ai tempi della guerra di Troia.
Esiste almeno una testimonianza diretta dell'esistenza della scrittura all'interno delle opere attribuite ad Omero, ma vediamo subito di che si tratta:

[Iliade, libro VI, 160-170]
Con lui bramava la donna di Preto, Antea gloriosa, unirsi furtiva d'amore; né quello davvero persuase, poich'era saggio Bellerofonte magnanimo. Essa allora parlò mentendo al re Preto: "Preto, che tu possa morire, se non ammazzi Bellerofonte; a me volle unirsi d'amore, ma io non lo volli!"
Disse, e il furore s'impadronì del re, tal cosa udiva. Ma si guardò dall'ucciderlo, n'ebbe scrupolo in cuore, e lo mandò nella Licia, gli diede dei segni funesti, molte parole di morte tracciando su duplice tavola, e ingiunse, per farlo perire, che la mostrasse al suocero.

Ora, senza perdere troppo tempo anche per evitare di annoiare il lettore che può, se interessato, leggere tutto il brano direttamente dall'Iliade, sembra abbastanza chiaro che il re Preto mandò al re della Licia, che era un suo parente, una doppia tavoletta incisa che portava delle informazioni a chi era in grado di leggerla, vi si chiedeva la morte del latore, Bellerofonte!

Dunque, la scrittura era sicuramente nota al tempo della guerra di Troia (1280 a.C.) e non solo, doveva essere nota anche la crittografia...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

sabato 23 maggio 2009

Prime

Versi di fine millennio
Raccolti tra i sassi
Di luoghi remoti
Ove l’anima nera diventa
Fatta di sogni e bugie
Il ritorno dal viaggio
Una nuova partenza.

Versi del terzo millennio
Speme di pace e sconfitta
Raccolta di altre parole
Città diverse vissute
O intraviste soltanto
Non ho ascoltato esperanto
Ho guardato di nuovo le guerre.

Giuseppe MARCHI

venerdì 22 maggio 2009

Bhagavad-gita: la reincarnazione delle anime...

L'anima...
Cosa é questa strana parola?
Cosa c'é dietro?
Quale sostanza o potenza la compone?

Queste domande non hanno mai trovato risposta e probabilmente non vi saranno mai risposte!

Ciò che si può fare, però, é chiedersi cosa pensano i diversi popoli e le diverse religioni sull'anima... e così scopriamo che per alcuni l'anima é immortale!

[Baghavad-gita 2,12]
Mai ci fu un tempo in cui non esistevamo, Io, tu e tutti questi re; e mai nessuno di noi cesserà di esistere.

Così diceva il Signore Beato, Krsna, rivolgendosi ad Arjuna, sul campo di battaglia di Kuruksetra...

[Baghavad-gita 2,13]
Come l'anima incarnata passa, in questo corpo, dall'infanzia alla giovinezza e poi alla vecchiaia, così l'anima passa in un altro corpo all'istante della morte. L'anima realizzata non é turbata da questo cambiamento.

L'anima passa dunque da un corpo all'altro all'istante della morte... anima immortale!


[Baghavad-gita 2,17]
Sappi che non può essere annientato ciò che pervade il corpo. Nulla può distruggere l'anima eterna.

Anima immortale, persisti dopo la morte del corpo... ma perché questo concetto é così importante?
Perché i saggi, i guerrieri, i re, erano convinti o dovevano essere convinti dell'immortalità dell'anima?

Forse per poter compiere il loro dovere senza porsi il problema della sopravvivenza?

Il corpo può morire... ma non importa se sai che l'anima é immortale e che si reincarnerà, per sempre...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Tito Livio: la morte di Remo...

Precedenti:

Tito Livio: Rea Silvia, la lupa, Romolo e Remo...

Tito Livio: la storia di Roma continua...

Tito Livio: storia di Roma
_________________________________

Buon pomeriggio Maestro,
come sta?

"Ciao Alessandro, io sto bene e tu?
Come proseguono i tuoi studi?
E' un po che non ci sentiamo..."

Ha ragione Maestro, le chiedo scusa...

"Non ti devi scusare, so bene che comunque i tuoi studi proseguono incessantemente... come va la lettura di Polibio?"

Maestro, sa anche questo?

"E' naturale... noi abbiamo accesso a tutte le informazioni che ci occorrono!"

Capisco... io cerco di seguire la regola che occorre studiare tutti gli autori, al fine di evitare di sentire una sola campana! Questo mi permette di farmi una mia idea sugli avvenimenti accaduti...

"Ed hai pienamente ragione, bravo, continua così!
Ma ora cosa ne dici se andiamo avanti con la storia di Roma? Siamo arrivati al dunque..."

E si, l'ultima volta abbiamo visto che Romolo e Remo, assieme al nonno Numitore hanno ucciso il re Amulio... cosa accadde poi?

"Accadde che Numitore tornò ad Alba come re... alla popolazione si erano aggiunte le schiere di Romolo e Remo e di Numitore, troppe persone per una sola città!
Romolo e Remo decidono così di lasciare Alba e fondare una loro città. Romolo si portò sul colle Palatino mentre Remo si fermò sull'Aventino. Sarebbero stati gli dei a decidere chi dei due avrebbe regnato sulla nuova città... l'attesa non fu lunga, sei avvoltoi passarono sul colle Aventino e Remo e i suoi li videro. Ciò avrebbe dovuto significare che Remo era destinato a regnare sulla nuova città, ma in quel mentre anche Romolo scorse degli avvoltoi, questi erano addirittura dodici..."

Ecco, ora iniziano i guai...

"Proprio così! Nessuno dei due aveva intenzione di cedere il comando all'altro, così, dimenticatisi di essere fratelli, si azzuffarono, e con loro le loro schiere! Remo rimase a terra, colpito a morte..."

Il potere... sempre il potere di fronte a tutto, anche alla famiglia! Perché l'uomo é così stupido, Maestro?

"Non so cosa dirti Alessandro... se non che la penso come te!
Ma lasciami dire che esiste anche un'altra leggenda sulla morte di Remo. Secondo questa versione durante la costruzione delle mura della città Remo saltò dalla parte del fratello in segno di scherno ma il fratello, preso dall'ira lo uccise urlando: 'Patisca la stessa sorte chiunque abbia ad oltrepassare le mie mura'."

Che storia... o leggenda che sia!

"Per Remo fu in ogni caso la fine, per Roma invece questo fu, secondo la leggenda, l'inizio..."

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

mercoledì 20 maggio 2009

Polibio e l'importanza della storia

Polibio nacque a Megalopoli intorno al 200 a.C., la sua fama ancora oggi é legata alla sua opera in 40 volumi dal titolo "Storie". Il suo interesse é per la storia di Roma ma in queste poche righe introduttive non parlerò della storia di Roma, ma dell'importanza della storia per questo grande storico antico.
L'importanza della storia... ne hanno parlato tutti i grandi storici, invocando gli uomini a studiare e conoscere i fatti accaduti per capire ed evitare errori già commessi.
Polibio non é da meno!
Secondo lui "per gli uomini non esiste altro strumento educativo più efficace della conoscenza delle vicende trascorse" in quanto "gli insegnamenti che si traggono dalla storia sono l'educazione e l'esercizio più efficace per l'azione politica e [..] il ricordo delle vicissitudini occorse agli altri é l'unico e il più chiaro maestro di come si possano affrontare con dignità i rovesci della sorte".

E forse possibile dargli torto?
Direi di no... allora mi chiedo, e lo chiedo a tutti voi, perché nelle scuole (o almeno quelle che ho fatto io!) la Storia era così poco importante?
Perché il programma non veniva mai terminato?
Perché periodi interi della nostra storia patria venivano semplicemente saltati?
Verrebbe da pensare che la cosa sia stata fatta intenzionalmente... ma chi guadagna dall'ignoranza (intesa come mancanza di conoscenza) della gente?

Domande senza risposta...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

lunedì 18 maggio 2009

Egizi e Ittiti, primo trattato internazionale?

Solo poche righe per incuriosire... dal libro sugli Ittiti, il popolo dai mille dei, il popolo che usava il ferro e forse l'acciaio, durante quello che é considerato il periodo del bronzo!

Due grandi re, Ramesse II per gli Egizi, Hattusili III per gli Ittiti; forse é loro il primo trattato internazionale in cui si bandisce la guerra come mezzo per la soluzione delle controversie... se le datazioni sono corrette il trattato fu stipulato nel 1259 a.C. circa!

"Per quello che riguarda i rapporti fra il gran re, il re d'Egitto, ed il gran re, il re di Hattusa, così la divinità ha proibito per tutti i tempi, con questo trattato, che fra di loro ci possa essere guerra".

Meditate gente, meditate... 1259 a.C.!

Circa 3200 anni più tardi arriva la firma della Carta dell'ONU!

Ma le guerre non finirono, comunque...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

venerdì 1 maggio 2009

L'Accademia festeggia... il suo secondo anno!

Cari amici, a conclusione del secondo anno dell'Accademia on-line occorre fermarsi un attimo e cercare di capire cosa é successo e come si può proseguire!
Intanto le statistiche:
Siamo passati da una media di 50 lettori al giorno a più di 100!
Ma da dove vengono i lettori?
Un po da tutto il mondo,nonostante la maggior parte degli articoli continui ad essere solo in italiano, con qualche articolo in tedesco (grazie Patrick)!
Ma occorre essere seri fino in fondo e verificare se abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo proposti. Cioè:

1. 100.000 pagine lette;

2. iniziare la traduzione in lingua inglese della pagina di poesia e di istanti di viaggio;

3. trasformare l'Accademia in una associazione vera e propria.

In merito al primo, niente da fare, solo 76.000 pagine visualizzate dall'inizio, dunque circa 50.000 nell'ultimo anno. Obiettivo non raggiunto!

In quanto al secondo, pure peggio se possibile, nessuna traduzione effettuata!

Terzo, l'Accademia continua ad essere non ufficiale!

Certo che se qualcuno dovesse valutarmi per le mie capacità manageriali... Obiettivi non raggiunti Rugolo, il progetto "Accademia" é chiuso e lei é licenziato!

Ma non essendo io un manager e contando sulla vostra clemenza e fiducia... l'Accademia continuerà ad operare, e se qualcuno mi aiuta, meglio di come é stato fatto fino ad ora!

Ma occorre cercare di capire cosa é successo... perché non é stato raggiunto alcun obiettivo?

Mea culpa... io mi lascio trascinare dalla passione del momento, così ho investito molto del mio tempo nello studio dei testi antichi, nello stringere rapporti di partecipazione con altri siti e con altri scrittori e studiosi di storia antica e di mitologia, nella creazione di un gruppo di sostenitori su Facebook, che ad oggi ha raccolto 963 iscritti!

Ecco perché non ho raggiunto gli obiettivi... diciamo che ho cercato di investire il mio tempo, in vece che in obiettivi a breve termine, in obiettivi a medio lungo termine... chissà!

Concludendo, cerchiamo di fissare degli obiettivi per l'anno che é appena iniziato:

1. 200.000 pagine lette;

2. iniziare la traduzione in lingua inglese di alcuni articoli... diciamo una decina;

3. trasformare l'Accademia in una associazione vera e propria.

Per finire un ringraziamento a tutti i Tuttologi, a quelli vecchi e a quelli nuovi, a quelli che partecipano assiduamente e a quelli che mi seguono da lontano, a quelli che leggono e basta e anche a coloro che, non volendo, ho disturbato!

L'obiettivo vero dell'Accademia é quello di svegliare dal torpore della vita quotidiana quei neuroni ancora sani che si trovano nei nostri cervelli, tutto il resto é solo di contorno!

Se sono riuscito, in qualche modo, a stimolare la nascita di un dubbio, una domanda o anche una semplice curiosità, beh, allora l'Accademia può andare avanti ancora!

Auguri Accademia, auguri a tutti!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Traduttore - Translator

Post in evidenza

Radioattività elevata sull'Europa? Colpa del Rutenio-106, ma da dove proviene?

La notizia è apparsa i primi di ottobre, ma come al solito in Italia è passata sotto riga. Fatto stà che da ieri se ne riparla sui giorn...