giovedì 31 luglio 2008

Porto Torres: il Club del Ponte in vacanza

Cari amici, cari lettori abituali e visitatori casuali,
oggi vi presento il Club del Ponte!
Il Ponte è una piccola piattaforma rocciosa che si protende nello splendido mare della mia Sardegna... a Porto Torres.
La caratteristica del Ponte sono i suoi "abitanti", molti dei quali si conoscono da tempo e anno dopo anno si ritrovano un po invecchiati ma felici di poter passare qualche ora in compagnia...
Il Club non è chiuso né ristretto, bisogna solo aver voglia di ascoltare e soprattutto di scherzare...
Questa estate, se Signor Gavino permette, vi presento gli appartenenti al Club!
In primo luogo Signor Gavino Usai, il più anziano (con rispetto!). Viene al ponte tutti i giorni per tutta l'estate, ormai da sette anni! Il resto dell'anno lo passa invece a Roma con sua moglie. Tutte le mattine si alza prestissimo, alle 04.20 e dopo una colazione a base di the e aver riordinato la casa di Sorso raggiunge Porto Torres per la sua passeggiata mattutina (di tre ore) che parte da Balai lontano e tocca il Ponte Romano! Poi, per fare un po di ginnastica (dice lui), per un grande senso civico (dico io), ripulisce il Ponte da tutto ciò che è stato abbandonato sul posto il giorno prima... così cicche, cartacce e bottiglie di plastica trovano la giusta collocazione!
Alle 09.00 è il momento del bagno, magari con un tuffo... nelle splendide acque del nostro mare azzurro!
Ma chi ha fatto conoscere il Ponte a signor Gavino è un altro "abitante del Ponte" e membro del Club... il signor Giovanni Zucca, che vi presenterò domani!
Oggi invece è la volta di conoscere il signor Bruno Piras (di Sassari!) ma abitante a Porto Torres. La sua vita estiva è fatta anche per lui di mare, mare e ancora mare! Sveglia alla mattina alle 07.00 e dopo la colazione si riordina la casa, poi c'è da fare la spesa (anche perché è vedovo) e quindi si fa l'ora di raggiungere il Ponte! Paste e minestre sono il suo cibo preferito e in particolare la pasta e fagioli...
La sua compagnia preferita (dopo la figlia, per intenderci!) è il Club del Ponte perché ci si trova bene con tutti!
Ma ora è il momento di conoscere il "Maresciallo", il signor Bustiano Deriu da Usini (il paese del vino buono... dicono in coro quelli del Ponte!). Frequentatore dello scoglio dal lontano 1980 quando ci portava i figli a pescare i polpi con le mani... certo, ora i polpi non si trovano più così facilmente ma il mare è ancora splendido!
Il signor Deriu ha girato tutta la Sardegna (Iglesias, Nuoro, Mamoiada, Orune, Nulvi, Castelsardo...) e gran parte dell'Italia (Roma, Genova, Savona...) per il suo lavoro ma alla fine il Ponte è il suo posto preferito per l'estate! Certo che ogni tanto gli capita di ripensare a tutto ciò che ha fatto nel corso della sua vita professionale... ma è meglio lasciar correre!
Infine un pensiero comune sulla politica in Italia, domando io...
Forse non avrei dovuto fare la domanda perché tutti si infervorano e le critiche non sono certo velate verso una classe politica che indipendentemente dalla parte (centro, destra o sinistra) lascia molto da pensare!
Bene, per oggi dal Ponte e tutto... arrivederci e a domani con il Club del Ponte... anche perchè comincia a far caldo!

Alessandro e Francesco RUGOLO

martedì 29 luglio 2008

Ovidio: le metamorfosi e la nascita dell'Uomo e l'età dell'oro

Le metamorfosi di Ovidio, opera scritta in latino presumibilmente tra il 1° e l'8 d.C., parla del "mutamento di corpi in altri nuovi" come ci dice l'autore. Il libro I°, dopo aver descritto la formazione dell'universo e della Terra, la forma e la suddivisione in fasce climatiche, i venti e le loro direzioni, passa a descriverci l'uomo come "un essere animato più augusto di questi altri [cioè degli altri esseri animati] e fornito di una mente più profonda e tale da poter dominare su tutto..."
Il creatore dell'uomo è il figlio del Titano Giapeto, Prometeo. Prometeo, comunemente noto come colui che donò il fuoco all'uomo è, secondo Ovidio, il creatore della razza umana che fu fatta a somiglianza degli dei. Diversamente dagli altri esseri che guardano verso il basso l'uomo fu creato per guardare verso il cielo e le stelle.
Nasce così spontaneamente il tempo conosciuto col nome di "età dell'oro", un tempo antico in cui non vi erano leggi ne giudici, un tempo in cui le navi ancora non avevano cominciato a solcare i mari e ognuno abitava solo il proprio paese. Non vi era la guerra e l'uomo oziava, dovendo solamente raccogliere i frutti spontanei della terra, senza coltivarla. L'età dell'oro è l'età dell'eterna primavera... dominata da Saturno, il Crono greco, padre di Giove.
Poi accadde qualcosa che viene ricordata dai poemi epici come la rivolta del figlio Giove nei confronti del padre Saturno e all'età dell'oro fu sostituita l'età dell'argento. Con l'avvento di Giove nascono le quattro stagioni, "l'inverno e l'estate e l'autunno incostante e la primavera di breve durata. Allora per la prima volta l'aria infuocata dal caldo asciutto divenne incandescente e penzolò il giaccio rappreso dai venti; allora per la prima volta gli uomini abitarono le case: ma a far da casa furono le spelonche e le frasche ammassate e i rami tenuti insieme con la corteccia; allora per la prima volta la semenza di Cerere fu interrata nei lunghi solchi e i giovenchi si lamentarono sotto la pressione del giogo". Questa era l'età dell'argento non certo bella come l'età dell'oro ma neanche brutta se paragonata a quelle che seguono. Qui Ovidio si allontana dai predecessori non ci parla infatti dell'età degli eroi ma passa direttamente all'età del bronzo. La terza era è quella del bronzo "più violenta per carattere e più incline alle armi crudeli; tuttavia non al colmo della perversione". E' quindi il tempo dell'età del ferro, la peggiore. Ogni tipo di frode, inganno, insidia, violenza e cupidigia di ricchezza è posta in essere dall'uomo. La terra viene suddivisa tra i popoli e i mari erano solcati da navi. Si cominciò a scavare la terra alla ricerca di minerali, del ferro e dell'oro e nasce la guerra...
L'età del ferro è l'era delle guerre, non solo tra uomini ma anche tra dei, così i Giganti si rivoltarono a Giove e cercarono di impadronirsi del regno celeste e "ammucchiarono monti innalzandoli fino alle stelle". Era, forse , un ricordo della torre di Babele?
Ma Giove non si lascia sconfiggere e schiaccia i Giganti e inonda la terra con il loro sangue. La stirpe degli uomini sembrava esser nata dal sangue dei giganti, tante erano le nefandezze cui era capace. Così Giove, stancatosi di vedere e sentire gli uomini riunì il concilio degli dei per decidere sulla punizione da dare alla razza umana... sarà il fuoco o l'acqua a distruggere questa razza malvagia?

Lo scopriremo più avanti...

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

lunedì 28 luglio 2008

Recensione videogames: Patrician III - Impero dei mari


Oggi iniziamo a parlare di un argomento nuovo e affascinante, soprattutto per i più giovani: i videogiochi.
Parleremo di uno dei nostri preferiti, un gioco di strategia per PC ambientato tra il 1300 e il 1400 nell'Europa del nord, dal nord della Germania all'attuale Finlandia e dalla Polonia all'Inghilterra! Il protagonista sei tu, all'inizio del gioco sei un mercante inesperto in cerca di fama e popolarità tra i cittadini della tua città che potrà essere scelta tra più di 24 ma se vorrai potrai aumentarne il numero fino a 40 usando l'editor delle mappe. Puoi scegliere se essere una persona onesta o disonesta. L'obiettivo del gioco consiste nel cercare di diventare Governatore della Lega Anseatica. Per raggiungere l'obiettivo devi evolverti da semplice mercante inesperto a datore di lavoro, sindaco e tanti altri status ancora, fino a Governatore. Tu potrai commerciare via nave e via terra con le altre città, con l'Europa e l'America grazie ad un passaggio che ti porterà al resto del mondo civilizzato e non, potrai combattere contro i pirati o allearti con loro, potrai costruire città e distruggerle e modificare, se vuoi, la velocità dello scorrimento del tempo per velocizzare i lunghi viaggi...
Ti verrà proposto il matrimonio con conseguente dote... di solito una nave con delle mercanzie che potrai rivendere! Ma ricordati di organizzare una bella festa, i tuoi cittadini ne saranno lieti e tu acquisterai popolarità!
Il gioco comprende una mappa cartacea con tutte le indicazioni sulle città e sul commercio e il gioco è veramente appassionante!
Se avete domande sullo svolgimento del gioco lasciate un commento... vi risponderemo!

Alessandro e Francesco RUGOLO

martedì 22 luglio 2008

Corrispondenze (2000)

Ancora nel cielo ricolmo

Di nubi cerebriformi

Arabeschi dei venti giunti

Con silenziosi sussulti

Dall’altrove invisibile


Cosa vede l’uomo alla finestra

E la sua ombra clonata

Dall’altro lontano emisfero

Balzo di arrugginite lancette

Incompreso tictac corrispondente


Perché lo stesso sguardo cela

L’uguale disegno di pensieri

Arditi oltre le dimensioni comuni

Specchio attraversato dello ierioggi

Fin dentro quelle carni vive

Dolcemente insicuro di esistere


Giuseppe Marchi

Viaggio fotografico per le campagne di Ferrara

In un’assolata domenica di giugno Sandro ed io siamo andati a caccia di …. click per la campagna ferrarese: questo è il risultato! Continua...


Barbara e Sandro

lunedì 14 luglio 2008

La macchina dell'esperienza - 3

Caro Alessandro, le tue considerazioni mi consentono di approfondire ulteriormente l’argomento della “Macchina dell’esperienza” e di chiarire oltretutto la posizione di Nozick circa la decisione dell’uomo di farne uso o meno (almeno nei termini di ciò che ho capito di una tale posizione …).
Io intravedo due grosse differenze tra il ricorso alla nostra macchina e l’atto del sognare senza ricordare i propri sogni.
La prima è che, mentre la nostra simpatica invenzione ci consentirebbe di provare le sensazioni che vogliamo a nostro completo piacimento, noi non possiamo scegliere cosa sognare e infatti molta della nostra vita onirica è tutt’altro che piacevole, riflettendo, spesso in maniera metaforica, frustrazioni, sconfitte e paure della nostra vita cosciente.
Ma, e vengo alla seconda differenza ben più importante (e, grazie alla tua provocazione, introduciamo forse il nocciolo della questione), il sogno è una esperienza strettamente legata alla nostra vita cosciente e, in quanto tale, costituisce un fatto assolutamente reale. I nostri sogni, infatti, riflettono, come si diceva prima, le esperienze, i successi, le mille lotte, le delusioni, le aspirazioni, le paure della nostra vita. Invece, tutte le sensazioni indotte dalla macchina dell’esperienza sarebbero assolutamente sconnesse dalla nostra vita effettiva, in altre parole sarebbero completamente false. Per esempio, io vorrei tanto che mio figlio primeggiasse al ginnasio in latino e greco e la macchina dell’esperienza mi potrebbe dare la relativa sensazione anche se nella realtà mio figlio è stato bocciato!
E’ questo il motivo per cui, secondo Nozick, l’uomo si rifiuterebbe di collegarsi per sempre ( ricordate, questa era la condizione richiesta: “accettereste di collegarvi per tutta la vita a questa macchina della felicità?”) alla nostra invenzione: perché egli aspira intimamente ad una vita reale e non di mere illusioni, a provare piacere per cose che effettivamente stiano in un certo modo: ” Vogliamo che le nostre credenze o alcune di loro siano vere e esatte (...) vogliamo avere un rapporto significativo con la realtà, non vivere nell’illusione.”
Questa conclusione del filosofo mi è parsa molto importante e mi consente di fare ulteriori considerazioni. In fondo l’uomo aspira naturalmente ad essere se stesso, a vivere in maniera autentica e per farlo deve ricercare un rapporto diretto ed esplicito con l’esterno, con il mondo reale. Se egli non riesce o non ha il coraggio (mettersi realmente in discussione è sempre pericoloso!) di stabilire questo rapporto, se si rifugia nelle illusioni o cede alle lusinghe di un mondo solo virtuale inizia a soffrire, a provare ansia o stress, fino a cadere vittima di vere e proprie nevrosi.
In fondo, quanti esempi di fuga dalla realtà si potrebbero fare, oltre a quello un po’ bizzarro della macchina dell’esperienza, pensando al mondo di oggi! Si pensi solo a: adesione acritica a ideologie o religioni semplificatrici della complessità del “reale”; comportamenti consumistici che di fatto stanno distruggendo il mondo naturale; culto narcisistico del proprio status sociale o della cosiddetta “carriera”; mito della bellezza fisica e dell’eterna giovinezza; incapacità di vivere le concrete responsabilità e le inevitabili sofferenze della vita di coppia che non è solo “rose e fiori”; il tifo calcistico; il ricorso a droghe di tutti i tipi.
Ecco, dal nostro esperimento io traggo l’esortazione ad “essere più reali”, ragazzi. Io, per esempio, oggi, grazie all’Accademia dei Tuttologi, non tenendo per me queste mie elucubrazioni e, per così dire, uscendo dal mio guscio, mi sento un tantino più reale…
Isaia De Maria

sabato 12 luglio 2008

Aristotele: etica Nicomachea

Solo il titolo spaventa... mi dicono degli amici quando faccio loro vedere il libro appena comprato!
Un bel libro pagato 2 euro e mezzo da Melbook, in via Nazionale a Roma!
Eppure, dico loro, perché spaventarsi prima di averlo letto?
Secondo me il problema fondamentale è che chi ha frequentato il liceo da ragazzo, ha dovuto affrontare lo studio dei classici latini e greci contro la sua volontà... e certo il professore non è riuscito a trascinarli nella scoperta dei testi del nostro passato! Io questo problema non l'ho dovuto affrontare avendo studiato ai geometri...
Ho sempre letto tanto e di tutto... dai fumetti ai romanzi per passare ai testi di fisica e scienze in genere fino ai libri di storia e ai testi sacri delle religioni del mondo... Da alcuni anni ho smesso di leggere romanzi... o almeno lo faccio sempre più raramente, per dedicare tutto il tempo disponibile allo studio dei testi classici e antichi... e non ci trovo niente di pesante... anche perché lo faccio per curiosità, non certo per dare l'ennesimo esame della mia vita! Lo faccio per ricercare ciò che ad oggi non ho ancora trovato... è un percorso di ricerca interiore, diciamo...
Etica Nicomachea... che significa il titolo? Prima domanda da soddisfare... così sfoglio le prime pagine del testo, in metropolitana, mentre torno a casa... e scopro che esistono tre versioni dell'etica di Aristotele. La Grande Etica, l'Etica Eudemia (cioè divulgata da Eudemo di Rodi, discepolo di Aristotele) e l'Etica Nicomachea (cioè divulgata da Nicomaco, figlio di Aristotele)... della Grande Etica pare che non si sappia granché e non tutti concordano sulla sua autenticità! Abbiamo dunque risposto alla prima domanda cioè al significato del titolo... ma siamo sicuri?
E si vi chiedessi cosa significa "Etica"? Probabilmente in tanti lo sanno... altri credono di saperlo ma poi posti di fronte alla domanda secca cercano di articolare una risposta improbabile oppure si precipitano su wikipedia per trovarne la definizione...
"L'etica (il termine deriva dal greco "ethos", ossia "condotta", "carattere", “consuetudine”) è quella branca della filosofia che studia i fondamenti oggettivi e razionali che permettono di distinguere i comportamenti umani in buoni, giusti, o moralmente leciti, rispetto ai comportamenti ritenuti cattivi o moralmente inappropriati. Si può anche definire l'etica come la ricerca di uno o più criteri che consentano all'individuo di gestire adeguatamente la propria libertà; essa è inoltre una considerazione razionale, dei limiti entro cui la libertà umana si può estendere. Spesso viene anche detta filosofia morale. In altre parole, essa ha come oggetto i valori morali che determinano il comportamento dell'uomo."
Dunque, ora sappiamo cosa è l'etica... ora possiamo dire di aver risposto ala prima domanda... o forse manca ancora qualcosa?
Riflettendo mi rendo conto che sto commettendo un errore... per farvi capire quale sia l'errore vi devo raccontare cosa mi è accaduto.
Mentre leggevo un passo delle Metamorfosi di Ovidio ho trovato una frase in cui si parlava di "sbarre d'acciaio"... incuriosito dall'uso di un termine moderno, armato delle mie scarsissime conoscenze di latino ho affrontato il testo latino in contropagina... il termine tradotto con "acciaio" era "adamante"... Adamante significa "non domo" o "indomabile" usato come durissimo o resistentissimo! Nella traduzione diventa "acciaio"! Ecco dunque cosa manca, la contestualizzazione. Devo cercare di capire, prima di andare avanti nella lettura, penso, cosa Aristotele intendesse per "etica" per evitare di fare riferimento alla definizione dei giorni nostri...
Ma per fortuna la ricerca è abbastanza semplice e cosa Aristotele intende per etica è lo stesso Aristotele che ce lo dice nel primo capitolo.
"Ogni arte e ogni ricerca scientifica e similmente ogni azione e ogni proponimento pare che abbiano come scopo un bene. Perciò il bene fu giustamente definito come ciò a cui tutto mira [cioè il fine!]. [..] Il conoscerlo ha, quindi, grande importanza per la vita; e invero, conoscendolo, non riusciremo meglio in ciò che dobbiamo fare, come gli arcieri che hanno una mira sicura? Se così è, si deve cercare di comprendere sommariamente che cosa esso sia e di quale scienza o facoltà sia oggetto: senza dubbio della scienza principale e più fondamentale di tutte: e tale è evidentemente la politica. Essa dispone infatti quali scienze debbano esservi nello stato e quali ciascuno debba imparare e fino a che punto; e vediamo che anche le facoltà tenute in maggior conto, come l'arte militare, l'economica, la retorica, sono subordinate ad essa. Poiché essa si serve delle altre scienze pratiche e inoltre stabilisce per legge cosa bisogna fare e da quali cose astenersi, il suo fine comprenderà in se quelli delle altre scienze e sarà per conseguenza il bene umano. Invero, pur essendo lo stesso il bene per il singolo e per lo Stato, è cosa più grande e più perfetta conseguire e conservare il bene dello Stato"
Dunque, andando avanti nella lettura è possibile capire che per Aristotele l'etica è la scienza che studia il bene, etica e politica hanno lo stesso fine ma l'etica studia il bene in relazione all'individuo mentre la politica studia il bene in relazione allo Stato.
Ecco, abbiamo chiarito alcuni dei concetti fondamentali su cui Aristotele disquisisce nel suo Etica Nicomachea"... cosa c'è dunque di difficile?
Niente, mi pare... l'unico problema è che chi vuole studiare l'etica deve avere molta esperienza della vita per comprenderne i principi e per questo che risulta poco adatta ai giovani... e questo vale ancor di più per la Politica!
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Viaggio in Libia: Tripoli e Leptis Magna

Tripoli è una città malinconica e vuota, dove regna una triste dittatura.
A differenza della vicina Tunisia, la Libia è molto meno evoluta: camminando per le vie tripolitane, anche all’occhio del turista più distratto non può sfuggire l’abissale divario tra ricchezza e povertà... Continua...

venerdì 11 luglio 2008

La macchina dell'esperienza - 2

Caro Isaia, raccolgo la tua provocazione e provo a dirti cosa ne penso io sulla macchina dell'esperienza.
Vediamo se ho capito, tu dici che il filosofo americano Robert Nozick nel suo libro “La vita pensata”, si dedica a riflettere “sulla vita e sulle cose importanti nella vita..." mentre di solito tutti noi “tendiamo a vivere come se avessimo inserito il pilota automatico, attenendoci (…) alle opinioni di noi stessi e agli obiettivi che abbiamo acquisito inizialmente”.
Poi ci proponi un esperimento tratto dallo stesso libro che consiste nell'immaginare che sia stata inventata una macchina che possa darci, una volta collegati ad essa, qualsiasi esperienza noi possiamo desiderare: quella di amare, contraccambiati, la più bella donna del mondo; di essere il Presidente degli Stati Uniti; di risolvere il problema della fame nel mondo; di vincere il Nobel per la letteratura... e se l'immaginazione scarseggia la macchina stessa ci aiuta dandoci utili suggerimenti grazie ad una biblioteca delle sensazioni interiori predisposta da abili psicologi!
Ed infine, dulcis in fundo, non vi è alcun modo di capire che siamo collegati a tale macchina e che perciò i piaceri non possono essere rovinati dal fatto di essere prodotti artificialmente.
Se ho capito bene tu (lui, l'autore del libro) mi chiedi se sceglierei o no (e soprattutto: perché) di adottare questa macchina per tutta la vita, vivendo così “dal di dentro” i miei sogni più dolci...

Ci ho riflettuto a lungo in questi giorni e ora provo a spiegarti il mio punto di vista che non so se può essere considerato una risposta, ma almeno è un inizio!
Quando ero piccolo mi capitava spesso di sognare e quando mi svegliavo ricordavo quasi sempre dei pezzi di sogno... talvolta belli, talaltra brutti... ma in ogni caso ricordavo! Ricordavo e mi chiedevo quale delle due fosse la vera vita... se quella vissuta dal mio io nel sogno, oppure quella che vivevo quando mi svegliavo e finiva il sogno. Mi chiedevo quale delle due fosse la realtà... o meglio quale tra le tante fosse la realtà... perchè ogni sogno, salvo poche eccezioni era parte di un mondo a se... diverso da quello che ritenevo essere reale e diverso dagli altri mondi dei miei sogni. Poi sono cresciuto e piano piano ho cominciato a sognare sempre meno o, più realisticamente, ho iniziato a ricordare sempre meno i sogni anche se talvolta mi capita ancora...
Ora, supponiamo che con il passare del tempo io smetta di sognare o meglio, al risveglio mi dimentichi completamente i sogni... credo che ci troveremmo esattamente nella situazione in cui si troverebbe la persona che abbia accettato di vivere attaccato alla macchina...
Per essere chiaro, se non si è in grado di distinguere la realtà dal sogno o dalla realtà artificiale creata dalla macchina, non ha proprio alcun senso porsi la domanda... nè ha senso cercare la risposta... tanto non farebbe alcuna differenza!
Ecco la mia risposta, non so se vada nella direzione indicata dall'autore del libro, ma credo sia l'unica possibile...
Certo che però, se la macchina, come tutte le macchine dovesse prima o poi avere dei malfunzionamenti... beh, in quel caso ci troveremmo di fronte al film "Matrix"....

lunedì 7 luglio 2008

La Macchina dell’esperienza.

Cari amici tuttologi, in questi giorni sto leggendo il libro del filosofo americano Robert Nozick (1938-2002) “La vita pensata”, edito da BUR , che avevo comprato qualche anno or sono, incuriosito dal titolo e dalla intenzione, annunciata dall’autore nella introduzione, di riflettere “sulla vita e sulle cose importanti nella vita, per chiarire il mio pensiero e anche la mia vita” mentre di solito tutti noi “tendiamo a vivere come se avessimo inserito il pilota automatico, attenendoci (…) alle opinioni di noi stessi e agli obiettivi che abbiamo acquisito inizialmente”.
Confesso che il riferimento dell’autore al pilota automatico, pensando a tanti momenti della mia vita, mi ha turbato e mi ha lasciato alquanto pensieroso…
Da questo libro vi propongo il seguente esperimento mentale, che possiamo battezzare La macchina dell’esperienza.
Immaginiamo che sia stata inventata una macchina che possa darci, una volta collegati ad essa, qualsiasi esperienza noi possiamo desiderare: quella di amare, contraccambiati, la più bella donna del mondo; di essere il Presidente degli Stati Uniti; di risolvere il problema della fame nel mondo; di vincere il Nobel per la letteratura.
Se la nostra immaginazione scarseggia, la macchina stessa può darci utili suggerimenti grazie ad una biblioteca delle sensazioni interiori predisposta da abili psicologi!
Si noti che non c’è memoria di essere collegati alla macchina e che perciò i piaceri non possono essere rovinati dal fatto di essere prodotti artificialmente.
Ora la domanda è: sceglieremmo o no (e soprattutto: perché) di adottare questa macchina per tutta la vita, vivendo così “dal di dentro” i nostri sogni più dolci?
Voi che cosa ne pensate?
Isaia De Maria

Ancora un Tuttologo, benvenuto Isaia!


Anche oggi ho la possibilità di presentarvi un nuovo amico Tuttologo... ma lasciamo fare a lui! Io dico semplicemente benvenuto a nome di tutti!


Caro Alessandro, amici tutti dell’Accademia dei Tuttologi, accolgo con grande piacere l’invito a far parte della “compagnia”. Spero solo di poter dare un contributo interessante...
Qualche breve parola di presentazione: mi chiamo Isaia De Maria e sono originario di Cusano Mutri in provincia di Benevento, ma nella mia vita ho vissuto a Napoli, a lungo a Pisa (che mi piace considerare un po’ la mia città di adozione), a Roma e da un annetto risiedo a Monterotondo, sempre in provincia di Roma.
Di professione sono un ufficiale dell’Aeronautica militare chiamato ad occuparsi essenzialmente di questioni giuridiche. Ma, almeno nella vita privata, preferisco al diritto ( scienza che, in verità, ho sempre considerato un po’ lugubre) la letteratura, il cinema, la storia, le discussioni filosofiche dal sapore antico, magari con un occhio all’attualità politica e sociale.
Inoltre, amo molto la natura e i viaggi, gioco a scacchi e ho un debole per i sigari toscani (dimenticavo, quello in fotografia sono io “al giorno d’oggi”…).
Un saluto a tutti!


Isaia.

domenica 6 luglio 2008

Tracce (2000)

Sancire l’inizio del millennio
Il nostro abuso sul tempo
L’ineluttabile necessità di vivere
Appoggiati fieramente al confine
Valli e monti di deserto
Sabbia sopra e sotto l’acqua
Sono uomini che vengono da lontano
Nel cielo annunciati da nessuna stella
Al posto degli occhi dardi fiammeggianti
Ora spenti alla fine del viaggio
Tracce di secolo rechiamo loro in dono
Brandelli di carni dal filo spinato strappate
Odore acre di guerra perduta e morte
Dalla periferia della terra e nei visceri suoi.

In fondo a tutti i naufragi nel volo nero dei cormorani
Ombre e flutti avvolti e intrecciati come mani
Nel nucleo incessante dei pensieri umani
Abbiamo intravisto due fantasmi segnati dal dolore
Il morbo come Cristo sulle mani e sui piedi
Un occhio splendente al posto della croce
Abbracciavano quei delitti su barche annerite
“non c’è pace senza giustizia”.

Giuseppe MARCHI

sabato 5 luglio 2008

Ovidio, le Metamorfosi e la suddivisione del mondo.

Publio Ovidio Nasone è il nome completo del poeta latino Ovidio, autore, tra l'altro delle "Metamorfosi". Nato nel 43 a.C. a Sulmona, comincia a viaggiare da subito. Si reca a Roma, ad Atene, in Asia Minore, in Egitto e in Sicilia. Muore all'età di circa 60 anni.
La sua opera più conosciuta è intitolata "Metamorfosi" e tratta del "mutamento di corpi", cioè di trasformazioni, tra queste vi è spazio anche per la formazione dell'universo a partire dal Chaos.
Ma veniamo al punto che mi interessa trattare in questo breve articolo, la suddivisione della terra in fasce in base alla temperatura.
Ci dice Ovidio che:
(Cap. I, 47 e seguenti)
"la provvidenza divina ripartì con lo stesso numero la massa della Terra avvolta dal cielo, sicché altrettante zone sono delimitate sulla terra. Delle quali quella mediana non è abitabile per il calore; due altre sono coperte di neve alta: altrettante zone dispose tra l'uno e l'altro spazio, e creò un giusto equilibrio mescolando il caldo con il freddo. Su di esse sta sospesa l'aria; la quale quanto è più leggera del peso della terra e dell'acqua, di tanto è più pesante dell'etere."
Su questa frase dall'apparenza scontata e banale è possibile fare alcune osservazioni:
1. la suddivisione della Terra in cinque fasce, visto il tempo in cui scriveva non doveva essere banale; eppure ad Ovidio è chiaro che la terra è suddivisibile in due fasce polari agli estremi, due fasce temperate e una fascia calda, equatoriale;
2. la disposizione delle fasce e delle temperature sulla terra crea un certo equilibrio;
3. l'aria ha un peso, inferiore al peso di terra e acqua ma comunque superiore al peso dell'etere...
Ora, sulla base di queste semplici osservazioni, proviamo a porci delle domande:
1. Come poteva Ovidio sapere della suddivisione della terra in fasce sulla base del parametro "temperatura"?
2. Perché ci parla di "equilibrio"?
3. Come poteva sapere che oltre l'aria c'è qualcosa di diverso e più leggero, l'etere per l'appunto?
Queste domande sono solo alcune che possiamo porci e alle quali vorrei poter trovare risposta...
Chi mi sa aiutare?
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Futuro?

Deutsch Version
La crisi era arrivata, come prevedibile, ma le sue conseguenze non erano state previste...
Da anni le cose non andavano bene, la situazione politica del paese era drammatica.


La disaffezione alla politica aveva allontanato dal settore il meglio della società, che aveva completamente abdicato a favore di una classe di politici mediocri, eredi dei moti del '68. Anche la classe dirigente del settore pubblico era ancora quella proveniente dalle università del 18 politico!
Sarebbe bastato qualche anno e un po di serietà da parte di tutti per risollevarsi ma nessuno credeva più nel futuro, si viveva alla giornata aspettando, o forse temendo, il momento in cui sarebbero cambiate le cose... poi avvivò la crisi del petrolio, i prezzi del barile cominciarono a salire senza freni.


In neanche un anno il prezzo del barile passò da 70 a 150 dollari a causa di speculazioni e di palesi errori di valutazione di chi allora era convinto di guidare il mondo. Il raddoppio del prezzo del petrolio influenzò tutto il mercato mondiale nei diversi settori, provocando fenomeni inflattivi completamente fuori controllo. In Europa l'instabilità raggiunse il massimo quando alcuni paesi furono costretti a lasciare l'Unione a causa del fallimento del sistema politico aggravato dal crollo delle borse e da gravi fenomeni legati alla rinata potenza delle cosche mafiose che si sostituirono in toto all'ormai fallito sistema politico.


Recrudescenze nazifasciste spesso alimentate dalla mancanza di una politica seria di controllo dell'immigrazione dai paesi dell'est, provocarono reazioni al limite dell'irrazionalità da parte degli storici alleati d'oltreoceano. Titoli quali "Liberiamo l'Europa dai nuovi nazisti" facevano tutti i giorni bella mostra sulle prime pagine dei principali quotidiani statunitensi. La Gran Bretagna fece la prima mossa lasciando la NATO per chiudersi in un isolazionismo quasi incomprensibile vista la situazione, provocando forti proteste franco tedesche che videro in ciò quasi una dichiarazione di guerra. Pochi giorni dopo il Congresso americano annunciò lo stanziamento straordinario di 500 miliardi di dollari per il completamento del programma di difesa dai missili balistici. Fu la goccia che fece traboccare il vaso.


La NATO, già in crisi, si sciolse come neve al sole e due giorni dopo i primi ordigni nucleari colpirono alcune delle più importanti città europee e statunitensi.


Parigi, Bonn, Roma, Washington, Bruxelles furono cancellate dalle carte geografiche... per sempre...
L'Occidente si cancellò da solo dalla faccia della terra... grazie a Dio!



Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO
(Roma, 04 luglio 2008)

TUNISIA



Nell'estate del 2007 abbiamo fatto un piccolo tour della Tunisia. È stata un’esperienza fantastica: anche se siamo rimasti solo poco tempo...








Continua...


di Barbara Ghetti & Sandro Ammassari

martedì 1 luglio 2008

Ancora due nuovi Tuttologi... Barbara & Sandro


Cari amici, Tuttologi e lettori, oggi ho il piacere di presentarvi due nuovi ingressi che, sono sicuro, contribuiranno alla diffusione del sapere sul nostro sito. Ma questa volta non parlerò io, saranno loro stessi a presentarsi... che dire ancora?

Benvenuti e buon lavoro!
per i Tuttologi, Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO.

Ciao a tutta la comunità dei Tuttologi!

Ci presentiamo, siamo Barbara & Sandro, new entry della comunità dei Tuttologi. Ebbene sì, anche noi ambiamo a sfregiarci di questo titolo!Io Barbara, ho 39 anni, di professione sono Agente immobiliare con il pallino della fotografia, dello sport, e soprattutto dei viaggi: non i pacchetti turistici organizzati, parlo di viaggi veri, quelli da veri vagabondi, che ti lasciano dentro un mondo di emozioni e di ricordi e… tanta voglia di partire di nuovo! Vado in giro con una compatta sempre nella borsa, perché non si sa mai quando si incontra il dettaglio che ispira, che emoziona, che fa sognare… e soprattutto non si sa mai quando si riesce a trovare il tempo di fare click in santa pace: tra gli impegni quotidiani, e due figli oramai grandi, le mie foto sono ormai veri atti di "pirateria", arrembaggi estemporanei al tempo che fugge! Sandro, il mio Compagno di Viaggio, è anche mio coetaneo. Di professione fa il militare di carriera, in aeronautica, sebbene sia un "pollo che non vola" – cioè non è un pilota! Ciononostante, è un Vagabondo con la V maiuscola, è lui il responsabile che mi ha contagiato con i suoi 1000 interessi, i viaggi e le foto prima di tutto, ma non solo. È curioso come i gatti, animali che adora. Come loro, osserva tutto sornione, ma al momento opportuno sa calare la zampata letale! Parla cinque lingue (beato lui!) e piuttosto bene – è preziosissimo nei viaggi! – ed è un papà (anzi, un "popy" come lo chiama la figlia, o un capogatto, come lo chiamo io) bravissimo, nonostante il vagabondaggio. Insieme ci divertiamo, esploriamo tutto quello che ci capita a tiro, ascoltiamo le voci del mondo e da tutto cerchiamo di imparare. Ora la sfida è cercare di travasare qui un po' di questo prezioso raccolto… se ci riusciremo o no, a voi Tuttologi giudicarlo!

A Presto!


Barbara & Sandro

Post in evidenza

Un attacco Cyber alla base della collisione della Destroyer USS John S. McCain?

E' apparsa su vari giornali, fin dai primi giorni dopo l'incidente, la notizia delle indagini in corso sulla collisione avvenuta il...