sabato 24 giugno 2017

Difendersi dai computer quantici: l'approccio statunitense al problema

Immagine tratta da Signal on line - maggio 2017
Il futuro non è ancora arrivato, ma occorre prepararsi a difendersi dalle nuove minacce!
Potrebbe sembrare una frase da film, forse lo è, ma rappresenta anche l'approccio degli Stati Uniti alle minacce rappresentate dal (verosimile) prossimo arrivo dei computer quantici, un nuovo cyber threat!
Non si sa ancora se li vedremo tra 10 o 15 anni, ma i più informati tra gli scienziati del National Institute for Standard and Technology (NIST) affermano che "One of the impacts of quantum computers is that they would break some of the crypto systems that we use", parole di Dustin Moody, matematico e Project manager del "Post-Quantum Crypto project" (fonte Signal Magazine - maggio 2017).
Il Post.Quantum Crypto project è nato con lo scopo di stabilire degli standard da utilizzare con una tecnologia che ancora non esiste, approccio impensabile in Italia. 
Il NIST fa sapere che tra gli algoritmi utilizzati oggigiorno ve ne sono tre a rischio obsolescenza e che a breve saranno selezionati nuovi algoritmi.
Il funzionamento di questi sarà reso pubblico per consentire a tutti di studiarne a fondo il comportamento e trovare eventuali errori. 
Sicurezza attraverso la conoscenza!

Per approfondire: http://www.afcea.org/content/?q=defending-against-quantum-future (articolo di George I. Seffers).

Alessandro RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Traduttore - Translator

Post in evidenza

Radioattività elevata sull'Europa? Colpa del Rutenio-106, ma da dove proviene?

La notizia è apparsa i primi di ottobre, ma come al solito in Italia è passata sotto riga. Fatto stà che da ieri se ne riparla sui giorn...