lunedì 22 novembre 2010

Méta...

Mi fermo a pensare...
il passato scorre davanti ai miei occhi, in pochi istanti...

Rivedo la mia famiglia, i miei fratelli, la mia casa...
rivedo la guerra, la disperazione e la morte,
la fuga e la speranza, l'Italia lontana...

Da allora una vita é passata,
in tanti sono arrivati da paesi lontani, pieni di progetti e speranze...
in molti sono ripartiti, come ombre di ciò che erano...

Eppure io sono quì,
come una vecchia quercia
sopravvissuta al turbinio del tempo...
aspettando paziente l'ultimo rintocco di quella stessa campana
che un giorno lontano mi accolse annunciandomi una seconda vita
in questa seconda mia Patria...

Italia!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Traduttore - Translator

Post in evidenza

Radioattività elevata sull'Europa? Colpa del Rutenio-106, ma da dove proviene?

La notizia è apparsa i primi di ottobre, ma come al solito in Italia è passata sotto riga. Fatto stà che da ieri se ne riparla sui giorn...