domenica 18 maggio 2014

Storia della Medicina e della Assistenza per le Professioni Sanitarie, di E.Cantarano e L. Carini

Il titolo dice tutto!
Il saggio che ho appena terminato di leggere è un testo universitario scritto da due Professori, per studenti universitari.
Talvolta questi saggi sono troppo pesanti da leggere ma non in questo caso.
Gli autori, Enzo Cantarano e Luisa Carini, riescono infatti a coinvolgere il lettore con uno stile pulito e avvincente. La storia della Medicina e dell'Assistenza per le Professioni Sanitarie ci introduce in un mondo di scoperte che accompagna la storia dell'uomo da millenni. Paura, malattia e morte e i metodi di allontanarle dalla nostra vita accompagnano il lettore nell'analisi delle civiltà del passato, fino ai giorni nostri.
L'ecletticità degli autori fa si che ogni pagina sia istruttiva ma allo stesso tempo ricca di curiosità che trascinano il lettore come in un libro di avventure ad andare sempre oltre e ad iniziare il proprio percorso di ricerca personale.
 
"Assistere, dal latino ad-stare, stare a fianco..." così deve essere l'assistenza!
 
La storia della Medicina e dell'Assistenza è strettamente legata a momenti storici particolari.
Eventi distruttivi quali le carestie, le guerre e la pesti (antiche e moderne) sono state infatti determinanti per lo sviluppo e la scoperta medica. Così affianco alla storia della Medicina si ripercorre a tappe la storia delle società umane per analizzare sotto un particolare punto di vista la nostra società.
 
Un testo interessante e che si pone come una guida nello studio e approfondimento della storia della Medicina e della Assistenza per le professioni sanitarie.
Stà poi a ognuno di noi approfondire secondo i propri gusti e interessi.
 
Buona lettura.
 
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Traduttore - Translator

Post in evidenza

Radioattività elevata sull'Europa? Colpa del Rutenio-106, ma da dove proviene?

La notizia è apparsa i primi di ottobre, ma come al solito in Italia è passata sotto riga. Fatto stà che da ieri se ne riparla sui giorn...