domenica 15 maggio 2016

In missione, di Vincenzo Fenili

(Agente Kasper - una vita sotto copertura)
La prima domanda che mi sono posto quando ho iniziato a leggere il libro è stata: chi è in realtà Vincenzo Fenili? 
Ho impiegato un po di tempo nel farmi una mia idea, ma la risposta è sotto gli occhi di tutti e sta in copertina:  un agente sotto copertura.
"Sei sicuro?"  Potrebbe domandarmi qualcuno.
"Sicuro? No, naturalmente. Non sono sicuro, ma da ciò che ho letto posso dire che è possibile."
Ecco, dunque ho deciso di credere a quanto l'autore racconta e a quanto è possibile conoscere da vicende più o meno pubbliche le cui tracce possono essere trovate su internet.
In missione, è il secondo libro dell'autore (il primo è "Supernotes"), il libro racconta la storia di una vita passata al servizio dello Stato italiano e di come l'autore sia stato "ricompensato" per il suo operato, racconta la storia di alcune operazioni condotte sotto copertura, dal 1980, quando Fenili venne arruolato in GLADIO, fino ai giorni nostri. Traffico internazionale di droga, tentati colpi di Stato, vicende mai del tutto chiarite della storia d'Italia.
Nel romanzo/dossier non esiste solo lui, Vincenzo Fenili alias agente Kasper, ma è possibile trovare anche altre figure quali il Generale Ganzer, Carabiniere e Comandante del ROS, accusato di traffico internazionale di droghe e di associazione a delinquere e poi assolto dalla Cassazione, nel gennaio 2016, da tutte le accuse rivoltegli.
Nel libro l'agente Kasper insegue il tenue filo che dai tempi della Guerra Fredda e della caduta del muro di Berlino arriva fino ai giorni nostri sotto forma di diverse valigette cariche di esplosivi nucleari distribuite nelle principali città europee. 
Questa storia si intreccia con le vicende dell'intelligence americana e di come l'organizzazione si procura i finanziamenti attraverso la stampa clandestina di dollari, storia raccontata nel precedente libro (che, tra l'altro, leggerò appena possibile!) e con le vicende personali di un agente che alla fine...

Sullo sfondo vi sono le vicende umane dell'uomo Vincenzo Fenili, con i suoi problemi col padre, un entomologo che forse non l'ha mai capito o forse l'ha capito e ha cercato di risparmiargli le delusioni a cui dovrà andare incontro.
La storia raccontata è la storia di uomini al servizio dello Stato ma anche dello Stato italiano e delle relazioni di forza esistenti con altri stati nel campo dell'intelligence internazionale. 
E' la storia di come talvolta non è così semplice dire quali sono i buoni e quali i cattivi. 
Il libro è anche la storia di come gli americani sostengono la loro economia: "L'America è in guerra da sempre. Non si sono mai fermati: Seconda Guerra Mondiale, Corea, Vietnam, guerre per delega... Quando è venuta meno l'URSS si sono inventati il terrorismo. La loro economia si fonda sulla guerra. Non voglio dire che siano loro a indurle, ma se non lo facessero sarebbe un problema." 

Leggere il libro di Vincenzo Fenili non è come leggere un romanzo qualunque perché il suo non è un romanzo qualunque, è un libro che fa riflettere e, forse per questo motivo, è un libro da leggere con calma.

All'autore un grosso in bocca al lupo, ai lettori una raccomandazione: leggete "In missione" come se leggeste un libro di storia, verificando le informazioni che vi vengono fornite di volta in volta per potervene fare un'idea tutta vostra. Scoprirete così tante cose sulle quali forse non si sa ancora abbastanza.

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

2^ edizione romana per il Cybertech Europe: il 26 e 27 settembre alla Nuvola

Roma 26/27 Settembre, alla "Nuvola", il centro convegni inaugurato circa un anno fa a Roma zona Eur, si terrà il Cybertech ...