domenica 22 maggio 2016

Le mie invenzioni, Nikola Tesla

(Autobiografia di un genio)

Chi mi legge abitualmente sa che ho già scritto su Nikola Tesla. Ho letto diversi libri su colui che considero uno dei più grandi geni di tutti i tempi.
Chi ha letto qualcosa sa che Tesla era un uomo fuori da l tempo, era una persona speciale.
Ma da cosa derivava la sua genialità?

Il libro che ho appena terminato di leggere, almeno in parte, cerca di soddisfare questa curiosità. Il libro è stato scritto nel 1919 quando Tesla aveva 63 anni, morirà 24 anni dopo, dunque l'autobiografia non può essere considerata definitiva.

Tesla si definiva come "il peggiore degli scansafatiche" non certo perchè non lavorasse, anzi, passava giorno e notte a lavorare e studiare ma questo suo lavoro spesso era limitato al pensare e immaginare le sue invenzioni che poi realizzava.

Tesla, durante la sua vita, è sempre riuscito a fare ciò che più amava ed ogni suo impegno era sempre nella direzione di poter proseguire il suo lavoro di inventore: "Ogni sforzo eseguito sotto costrizione esige un grande sacrificio in termini di energia vitale. Non ho mai pagato un tele prezzo. Al contrario ho prosperato grazie ai miei pensieri."

Tesla era consapevole di essere una persona particolare. Da ragazzo aveva sofferto tanto per la morte del fratello e per una depressione dovuta all'apparizione di immagini e lampi di luce che gli impedivano di vedere la realtà che lo circondava.

La sua "malattia" lo portò però ad ipotizzare la possibilità di realizzare una invenzione molto particolare, potremmo dire che si tratti di un proiettore di pensiero. Tesla afferma di studiare all'invenzione da tempo e di essere sulla buona strada, essendo riuscito a proiettare i suoi pensieri nella mente di una persona che si trova in una stanza attigua. Che fine hanno fatto le sue esperienze? Chi ha preso il suo posto? Tesla era un genio, chi prenderà il suo posto sarà un altro genio!

Tesla utilizzò le sue particolari caratteristiche per migliorare la sua inventiva. Riuscì infatti a volgere la malattia di cui soffriva a vantaggio della sua capacità inventiva. Con il tempo e l'esperienza riuscì infatti a controllare il suo cervello affinchè le invenzioni nascessero e venissero sviluppate e testate nella sua mente: "Mi resi conto con grande piacere della facilità col la quale riuscivo a visualizzarle. Non avevo bisogno di modelli, disegni o esperimenti. Potevo raffigurarle nella mia mente come fossero reali. Inconsciamente elaborai così ciò che considero un nuovo metodo per materializzare concetti e idee relativi alle invenzioni, un metodo completamente opposto a quello puramente sperimentale, e a mio parere anche molto più veloce ed efficiente.Infatti appena qualcuno inizia a costruire un dispositivo per realizzare nella pratica un'idea appena immaginata, si trova inevitabilmente bloccato a definire i dettagli del dispositivo stesso. Più che si va avanti nel migliorarlo e nel ricostruirlo più la concentrazione diminuisce perdendo la visione d'insieme del fondamentale principio di base [..] Il mio metodo è diverso, io non mi getto a capofitto sul lavoro concreto. Quando ho un'idea inizio immediatamente a svilupparla grazie alla mia immaginazione. Modifico la struttura, attuo miglioramenti e ne verifico il corretto funzionamento nella mia mente. Per me è la stessa cosa far girare la turbina nella mia mente oppure testarla nel mio laboratorio. Riesco perfino a capire se è sbilanciata. non c'è differenza, il risultato è lo stesso."

Ecco come lavorava il genio. Ecco come Tesla inventava.
Che potenza!
Immaginate cosa significherebbe avere degli inventori che lavorano con il metodo di Tesla? Certo, forse è impossibile perchè per farlo occorrerebbero persone come lui, ma solo per un attimo riuscite immaginare cosa potrebbe significare sviluppare il suo metodo?
Enorme risparmio di tempo e di materiali in esperimenti ma soprattutto uno sviluppo molto più veloce!

Ecco qualcosa a cui pensare.

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO





Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Guglielmo Marconi, un genio italiano

Guglielmo Marconi morì a Roma il 20 luglio del 1937, esattamente ottant’anni fa, per un attacco cardiaco. Con lui scompare un grande prot...