Traduttore - Translator

domenica 25 febbraio 2018

I geni manipolati di Adamo, di Pietro Buffa

Per una volta cominciamo dalla fine...

o meglio, dal futuro prossimo.

L'Uomo grazie allo sviluppo delle tecnologie in tutti i campi è arrivato ad essere in grado di clonare un essere vivente (credo che nessuno possa dimenticare la notizia della pecora Dolly) o, di questi giorni, inserire parte del corredo genetico di un essere vivente (l'uomo) all'interno di un altro essere vivente (pecora) allo scopo di realizzare tessuti utilizzabili per i trapianti di organi.
E che dire poi degli esperimenti effettuati per incrementare la quantità del tessuto cerebrale dei topi attraverso l'impianto di una parte del corredo genetico umano in cavie da laboratorio?

Contemporaneamente altri gruppi di scienziati, ingegneri e tecnici, studiano come affrontare il viaggio fino a Marte (2022?) e come poter sopravvivere sul pianeta rosso, allo scopo di utilizzare il pianeta come base avanzata per proiettarsi fuori dal sistema solare.

L'uomo è da sempre un sognatore e i suoi sogni prima o poi diventano realtà!

Dopo queste brevi considerazioni arriviamo al libro di Pietro Buffa.
Buffa è un biologo molecolare specializzato in bioinformatica e lavora nel settore della ricerca da oltre quindici anni presso l'Università di Catania e in questo libro prova ad affrontare uno degli argomenti tabù della società occidentale (si, perché in altre parti del mondo si può parlare seriamente di queste cose!), ovvero dell'ipotesi che l'Uomo sia un essere vivente nato a seguito di un esperimento, esperimento compiuto millenni o (forse) milioni di anni fa da una civiltà dotata di tecnologia avanzata.
Il suo libro affronta il problema con metodo scientifico, cercando di spiegare le differenze che esistono tra la razza umana e le razze dei primati da cui la scienza ufficiale sostiene che l'uomo discenda e ponendo in evidenza alcuni aspetti quanto meno particolari.
Le considerazioni scientifiche in seno alla biologia molecolare sono quindi confrontate con i risultati di ricerche svolti in altri campi, per esempio nello studio di conoscenze di aeronautica avanzata presenti nei testi sacri Indù o con le riletture non religiose della Bibbia ad opera di Mauro Biglino o di  alcuni rabbini ebrei. 
Ciò che emerge è una coinvolgente e quanto meno interessante rilettura della storia dell'evoluzione della razza umana che, oggigiorno, è in grado di fare ciò che molti di voi che leggete queste poche righe ancora pensano sia impossibile: creare una razza nuova, più evoluta, a partire da altro materiale meno pregiato.
Nella Bibbia si dice che Dio creò Adamo ed Eva a sua immagine e somiglianza... e se si trattasse di realtà? 
Se una razza evoluta, quella degli Elohim, cui Yahweh apparteneva, avessero fatto ciò a partire dalle scimmie e grazie all'uso della genetica? 
Perché no, dato che noi potremo, oggigiorno, fare lo stesso?

Per finire chiedo scusa all'autore per eventuali banalizzazioni o errori ma l'argomento non è semplice. 

Chi si avventurerà nella lettura di questo libro potrà trovare in esso, forse, un mondo che non conosce ma che sempre più è oggetto di studi e dell'interesse di (parte) della comunità scientifica.

Io l'ho trovato interessante e ve lo consiglio.
Buona lettura!

Alessandro RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento