Traduttore - Translator

sabato 16 giugno 2018

US e Thailandia: l’impiego del personale della riserva in ambiente Cyber.



Come si deve affrontare militarmente l’ormai costante pericolo derivante dalla quinta dimensione conosciuta col nome di cyberspace?
C’è chi si è posto il problema già da tempo e sta lavorando per risolverlo facendo ricorso ad un approccio misto, c’è chi invece non ha ancora capito che il problema non si può rimandare ma va affrontato, questo perché il tempo da dedicare a studiare il problema non c’è più!

Nel 2014 una notizia passata praticamente sotto silenzio, pubblicata sul “militarytimes” a firma di Andrew Tilghman, annunciava che negli Stati Uniti si era tenuta una esercitazione Cyber da cui era emerso che i “cyberwarriors” militari in servizio erano stati sconfitti dai “cyberwarrior” riservisti, questo perché nel settore molti civili sono impiegati a tempo pieno nel loro lavoro ormai da anni.

La questione fu subito portata all’attenzione degli strateghi per capire quale ruolo dovessero avere i riservisti all’interno della forza cyber del Pentagono.
La risposta è stata data nel 2015 con la pubblicazione del documento “The DoD Cyber Strategy dell’aprile 2015 in cui nell’ambito della definizione dello “Strategic Goal I” è detto chiaramente che: “The Reserve Component offers a unique capability for supporting each of DoD’s missions, including for engaging the defense industrial base and the commercial sector. It represents DoD’s critical surge capacity for cyber responders”.
Quanto accaduto negli Stati Uniti trova logica spiegazione nei forti legami da sempre esistenti tra l’ambiente industriale e quello militare che si può ritrovare in tantissimi programmi di ricerca e sviluppo portati avanti in primis dalla DARPA.
Il ricorso al mondo civile (di cui la riserva fa parte) per portare all’interno dell’ambiente militare uomini e capacità non facili da formare e da mantenere aggiornate è sicuramente importante in un ambiente come quello Cyber in cui l’evoluzione della minaccia richiede un continuo aggiornamento.
La lezione sembra quindi essere stata appresa dagli americani, ma che dire degli altri?
Un secondo esempio dell’impiego della riserva nell’ambiente cyber viene dalla Thailandia.
Il 18 maggio scorso sul Bangkok times è apparso un articolo firmato da Wassana Nanuam dal titolo “Military eyes taking on civilian cyber warriors” nel quale si afferma che il Ministero della Difesa sta lavorando ad un programma per l’arruolamento di civili riservisti all’interno dei team di cyber security.
Ci si potrebbe chiedere quali sono i vantaggi di reclutare esperti del settore dalla riserva:
- arruolamento di personale già preparato, senza dover aspettare anni e senza dover mettere in piedi la struttura organizzativa a supporto dell’addestramento;
- sempre personale nuovo disponibile (a patto che l’arruolamento sia fatto col criterio di mantenere i riservisti in servizio per un numero di anni limitato).
Tra le controindicazioni occorre mettere in conto che i riservisti più preparati vengono dall’ambiente industriale, che è lo stesso che fornisce le tecnologie alle Forze Armate, con le ovvie conseguenze, inoltre bisogna pensare che il personale più preparato non accetterà mai di lavorare al livello degli attuali stipendi quando fuori può guadagnare molto di più.
Naturalmente esistono molti altri pro e contro e ogni Stato si sta muovendo in direzioni diverse ma in ogni caso la discussione è aperta.
Qual’è la situazione in Italia nel settore? Si intende impiegare personale della riserva? Qual’è la preparazione del personale e delle strutture deputate al settore cyber?
Alcune risposte potrebbero arrivare dall’analisi dei risultati delle esercitazioni (come per esempio dalla Locked Shield) e dalla discussione aperta e franca che ne dovrebbe scaturire, ma sembra che vi siano ben poche informazioni disponibili al grande pubblico. Ci si potrebbe chiedere o forse, dovrebbe chiedere, il perché di una tale mancanza di discussione. Infatti ritengo che il modo migliore di migliorare si basi su una aperta e franca discussione sugli obiettivi da raggiungere e sui risultati intermedi conseguiti.


Alessandro RUGOLO

(immagine tratta da: https://www.militarytimes.com/news/your-military/2014/08/04/in-supersecret-cyberwar-game-civilian-sector-techies-pummel-active-duty-cyberwarriors/)

Per approfondire:
- https://www.militarytimes.com/news/your-military/2014/08/04/in-supersecret-cyberwar-game-civilian-sector-techies-pummel-active-duty-cyberwarriors/;
- https://www.bangkokpost.com/news/general/1467494;
- https://www.fifthdomain.com/dod/2018/04/25/defense-panels-want-the-pentagon-to-form-a-cyber-reserve-team-to-help-states/;
- https://www.reuters.com/article/us-usa-cyberwar/special-report-the-pentagons-new-cyber-warriors-idUSTRE69433120101005;

Nessun commento:

Posta un commento