domenica 20 febbraio 2011

Ben Harvey e il caso White

Nel 1842 una giovane coppia di sposi, Mary Wells e John White, si trasferirono in un piccolo paesino a poche decine di miglia da Londra. John trovò un lavoro al comune del piccolo paese, Mary invece faceva la casalinga e dopo un anno ebbero un figlio, Mark. La famiglia White si guadagnò una buona reputazione in paese e tutti li ritenevano gente onesta e lavoratrice. 
I fatti che stanno per essere narrati si svolgono quindici anni dopo l'arrivo degli White in paese.
La notte del 26 novembre 1857 infatti accadde qualcosa che il giorno dopo avrebbe sconvolto gli abitanti del piccolo paese. La mattina del 27 novembre il signor White uscendo presto da casa per andare al lavoro trovò davanti a casa sua, riverso a faccia in giù, il corpo di un uomo, con un foro in testa, provocato da un proiettile e con una pistola in mano. Fu subito chiamata la polizia che non trovò documenti addosso al cadavere che potessero indicare la sua identità. Il proiettile che l'aveva ucciso era stato sparato con la pistola che aveva in mano e si pensò ad un suicidio. 
Ma perché si sarebbe dovuto togliere la vita proprio in mezzo alla strada? 
La polizia brancolava nel buio e per questo venne chiamato un investigatore da Londra, il signor Ben Harvey, un investigatore non molto famoso ma molto abile e sveglio. Ben, dopo un breve viaggio in treno arrivò in paese e perquisì le case degli White e dei loro vicini. Ben trovò gli White molto turbati dalla vicenda ma soprattutto la signora White sembrava molto preoccupata per quello che era successo. I vicini di casa degli White non potevano aver sentito lo sparo perché una famiglia era andata a trovare dei parenti fuori città ed era rientrata quel pomeriggio, gli altri vicini erano distanti più di un centinaio di metri dalla casa degli White, perché tra le due case si trovavano un piccolo parco ed una casa abbandonata. L'unico mistero era il perché gli White non avessero sentito lo sparo.
Ben aveva già le idee abbastanza chiare. Probabilmente non si era trattato di suicidio. L'uomo era stato ucciso in un altro posto e poi trasportato davanti alla casa degli White, come per avvertirli di qualcosa.
Questa teoria era supportata dal fatto che le suole delle scarpe erano in parte graffiate, come se per un breve tratto il corpo fosse stato trascinato.
L'assassino doveva essere uno solo perché se fossero stati in due l'altro l'avrebbe sollevato per le gambe e le suole non si sarebbero rovinate. Ben si mise subito ad indagare sul passato dei signori White.
John aveva vissuto ad Edimburgo prima di incontrare Mary ed aveva lavorato come direttore di una piccola fabbrica che produceva attrezzi agricoli in ferro mentre la signora Mary aveva lavorato a Londra, in banca, ma si era licenziata quando aveva conosciuto John e si erano sposati.
 Facendo ricerche più accurate Ben scoprì che la banca poco tempo prima del licenziamento di Mary era stata svaligiata ed erano stati accusati due uomini, uno dei quali ebbe una pena più mite perché aiutò la polizia a smascherare il suo complice. Ben riuscì a trovare una foto dell'uomo che anche se appariva molto più giovane era proprio l'uomo trovato ucciso davanti alla casa degli White. 
Ben riuscì a collegare tutto.
Molto probabilmente la signora Mary Wells centrava qualcosa in tutta questa storia. Ben scoprì anche che l'uomo accusato del furto alla banca, Peter Jackson, era stato rilasciato circa un mese prima dell'omicidio. Ben aveva intuito la verità ma siccome era all'oscuro di alcuni dettagli, decise di adottare una tattica che con un po' di fortuna avrebbe potuto funzionare. Finse di essere a conoscenza di ciò che era accaduto quando Mary viveva a Londra. Fortunatamente la tattica funzionò, la signora Mary stette per un po immobile, a scrutare la campagna al di fuori della finestra, come se fosse indecisa se credere o no alle parole di Ben, poi scoppiò in pianto. Ben riuscì a capire dalle sue parole, scosse dal singhiozzo, che lei e Peter erano stati assieme e che avevano progettato tutto ma poi lei si era pentita delle sue azioni ed aveva deciso di andarsene, in seguito anche l'altro complice, che si chiamava Abraham Sand, si era pentito ed aveva aiutato la polizia in vece di scappare come fece Mary e questo gli costò caro visto la fine che fece. La sera dopo la polizia si accostò dentro casa e nel parco adiacente e aspettò che arrivasse Peter Jackson per finire di compiere la propria vendetta contro coloro che l'avevano tradito ed erano scappati invece di proteggerlo.
Peter comparve due sere dopo e fu catturato dalla polizia. Adesso lui è di nuovo in carcere insieme alla signora Mary Wells che, anche se pentita, aveva partecipato al furto.

Fry

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Un attacco Cyber alla base della collisione della Destroyer USS John S. McCain?

E' apparsa su vari giornali, fin dai primi giorni dopo l'incidente, la notizia delle indagini in corso sulla collisione avvenuta il...