Traduttore - Translator

domenica 1 luglio 2018

Dopo il Giappone anche la Romania annuncia l’ingresso nel Cyber Defence Centre of Excellence di Tallinn (CCDCOE).

(3 minuti di lettura - strategia)

La notizia è stata pubblicata il 15 giugno scorso sul sito del CCDCOE. L’annuncio ufficiale è stato dato nel corso di una visita del Primo Ministro della Romania, la signora Viorica Dăncilă, in Estonia. Nel corso dell’incontro si è detto che la Romania prenderà parte alle attività del CCDCOE già dal prossimo anno. Il Direttore del CCDCOE, la signora Merle Maigre, ha ringraziato il Primo Ministro per l’intenzione espressa. Il CCDCOE attualmente è una struttura accreditata presso la NATO che si occupa di ricerca, addestramento e esercitazioni nel settore della cyber defence. Il CCDCOE prende in esame non solo gli aspetti legati alla tecnologia ma anche tutto ciò che riguarda aspetti strategici e operativi nonché legali, da ricordare che il Tallin Manual 2.0 è senza ombra di dubbio il più completo manuale relativamente all’applicazione del Diritto Internazionale alle cyber operations.

Presso il CCDCOE ogni anno si tiene la più complessa esercitazione di cyber defence al mondo (Locked Shield) come pure la conferenza internazionale sui conflitti cyber (CyCon) che raggruppa i maggiori esperti cyber al mondo (l’ultima conferenza si è tenuta dal 30 maggio al 1 giugno 2018).
Il centro è finanziato e alimentato da 21 nazioni: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Spagna, Svezia, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti d’America.
Dopo la notizia alcune brevi considerazioni:
- sembra che i paesi europei (e non) stiano prendendo sempre più a cuore tutto ciò che ha a che vedere con la cyber defence, indice di accresciuta sensibilità al problema ormai mondiale;
- per una volta sembra chiaro a tutti che l’unione fa la forza e il CCDCOE sta concentrando in un unico centro di competenza le risorse europee. Ciò è un vantaggio da una parte ma anche uno svantaggio, infatti occorrerà trovare dei meccanismi che incentivino il personale che viene formato a restare in Europa. Se infatti in Italia ancora è debole la richiesta di personale con determinati skills, la cosa non vale per gli Stati Uniti;
- in Italia ancora non è chiaro (o forse non pubblico) il processo messo in atto per “migliorare dalle esperienze”. Negli anni l’Italia ha partecipato alle esercitazioni internazionali ma non si sono avuti ritorni pubblici per cui è quanto meno difficile capire quale sia il livello di preparazione del personale italiano partecipante;
- l’Italia non ha una vera e propria industria informatica e i concetti di cyber security sono ancora poco conosciuti come pure il processo di pianificazione delle operazioni cyber (difesa ed attacco). Ciò significa che in caso reale il personale in grado di partecipare ad operazioni con altri stati è presumibilmente numericamente ridotto;
- in ultimo, ma non meno importante, occorrerà primo o poi iniziare a fare delle considerazioni sulla espansione del CCDCOE. Il rischio è, come al solito, che una struttura simile, se ha senso quando i paesi partecipanti sono più o meno allo stesso livello ed hanno dei chiari obiettivi condivisi, perda di significato ed utilità quando l'espansione avviene troppo velocemente e senza aver dei chiari obiettivi. Vedremo cosa ci riserva il futuro.
In ogni caso mi sento, per una volta, di poter considerare il bicchiere mezzo pieno. Infatti è indubbio che negli ultimi anni sono stati fatti enormi passi avanti soprattutto nel campo della sensibilizzazione. Ormai tutti i giorni si sentono discutere temi legati in qualche modo alla cyber security. Ora però è il momento di compiere un ulteriore sforzo, magari iniziando ad introdurre nelle scuole di ogni ordine e grado gli strumenti e le abilità necessarie a vivere ed operare in un mondo sempre più interconnesso, in cui la dimensione del Cyber space riveste un ruolo innegabilmente importante.

Alessandro Rugolo

Photo of the visit (credits to CCDCOE, photographer Arno Mikkor)

Per approfondire:

Nessun commento:

Posta un commento