mercoledì 5 gennaio 2011

Macrobio e "I Saturnali"

Macrobio...

vi chiederete chi sia quest'uomo del passato.

Me lo chiedevo anche io quando, nel corso delle mie letture quotidiane, mi capitava di incontrarne qualche citazione dotta. Me lo chiedevo anche io fino a che non mi ci sono imbattuto durante una visita alla biblioteca di Legnano.

Il libro era li, rovinato dall'uso, abbandonato sullo scaffale dei classici latini!

Sembrava mi parlasse... leggimi, diceva...

Così mi ci volle un attimo per raccoglierlo dallo scaffale ed inoltrarmi nella lettura di quelle pagine ricche di sapere e conoscenze antiche.

Macrobio visse a cavallo tra il IV e il V secolo dopo Cristo, il suo nome completo era: Macrobio Ambrogio Teodosio.
Autore di diverse opere pervenuteci:
- Commentarii in Somniu Scipionis;
- De differentiis et societatibus Graeci Latinique verbi;
e Saturnaliorum convivia (ovvero I Saturnali), l'opera che ho appena terminato di leggere e di cui vi parlerò brevemente, più per spingervi a leggerla voi stessi che per dirvi di cosa tratti.
Credo infatti, come ho sempre detto, che sia più utile leggere le opere degli antichi che i riassunti dei moderni sulle medesime opere. Allo stesso modo ritengo più utile leggere i riassunti degli antichi rispetto a quelli dei moderni, ma ciò non é oggetto di questo piccolo articolo!
Il motivo che spinse Macrobio a scrivere questo libro é indicato nella prefazione dell'autore, il libro infatti inizia così:
"Figlio mio Eustatio, la natura ci ha dato molti e svariati legami in questa vita, ma non ci avvinse con nessun legame più forte di quello che ci unisce a coloro che da noi sono stati generati. Volle infatti che ci preoccupassimo di istruirli ed educarli; così che i genitori non possono da nessun'altra cosa ricevere piacere maggiore che dal completo realizzarsi dei loro desideri né maggior dolore che da un risultato negativo".
Ad essere onesti Macrobio non la pensava come me, egli infatti aggiunge che ritiene più utile l'uso dei compendi ai lunghi e tortuosi discorsi, per l'educazione del figlio. Sarà, ma io penso che dalle opere complete degli autori, dalla loro profonda disamina e comprensione possa derivare una buona conoscenza. Il mettere in pratica gli insegnamenti ricevuti e l'esperienza completano l'educazione. La saggezza si raggiunge poi, talvolta, quando si é in grado di usare le nozioni giuste, al momento giusto al fine di un giusto scopo. Talvolta é, in tal senso, del saggio sapere quando parlare o star zitto!

Macrobio inizia il suo libro spiegando cosa siano i saturnali, giorni di festa, da passare in conversazioni culturali tra amici. Saranno infatti affrontati argomenti vari, seri e faceti, semplici e complessi, cercando in ogni caso di interessare chi ascolta e coinvolgerlo nella discussione.

I saturnali in quel periodo duravano tre giorni, il 17, il 18 e il 19 di Dicembre. Così il libro é diviso in giornate. A queste giornate viene aggiunta la vigilia, impiegata per spiegare di che tipo di festa si tratti e quale sia il termine latino corretto.

Ma non vi aspettate che io, in queste poche righe, possa ripercorrere ciò che Macrobio ha splendidamente raccontato in centinaia di pagine, vi dirò solo che in quelle tre giornate si parlò di antichità, dei calendari in uso , delle festività, di medicina, di agricoltura, di scienze, di uomini e Dei e dei maggiori scrittori, eruditi e filosofi dei tempi antichi.
Così Virgilio, Cicerone, Ennio, Platone, Erodoto, Aristotele, Lucrezio, per citare solo alcuni tra i più famosi, sono chiamati di volta in volta ad esporre le loro teorie, a difenderle e confutare quelle dei loro avversari.
Ma tra tutto, ciò che io prediligo é la parte storica. Potete dunque immaginare come mi abbia fatto piacere leggere estratti da testi più antichi e ormai perduti... e che dire delle formule usate dai romani per convincere gli dei di una città nemica ad abbandonare i loro protetti e consentire ai romani la conquista?

Dunque, non volendo annoiare oltre, vi auguro buona lettura!
Sono infatti sicuro che, come il figlio di Macrobio trasse sicuramente ottimi insegnamenti dalla lettura di quanto il padre aveva scritto per lui, ognuno di noi può fare lo stesso nonostante il tempo passato.


Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

2^ edizione romana per il Cybertech Europe: il 26 e 27 settembre alla Nuvola

Roma 26/27 Settembre, alla "Nuvola", il centro convegni inaugurato circa un anno fa a Roma zona Eur, si terrà il Cybertech ...