domenica 23 gennaio 2011

Sogni, ombre e fantasmi...

... come tutti i miei sogni non ha un inizio e non ha una fine...

mi trovo in un mondo parallelo, nato dalla mia fantasia, o da casuali impulsi fisico chimici tra le sinapsi dei miei neuroni?
Che importa?
Ciò che importa é che il sogno esista, in tutte le sue forme... incubi compresi!
Si, forse era un incubo...
Mi trovavo in un ambiente scuro... circondato da esseri fantastici, ombre e fantasmi... ero alla guida di un gruppo di esploratori, forse.

Non é facile ricordare cosa accade in un sogno...

Il piccolo gruppo era composto da me, un bambino piccolo, che chiamerò Francis per comodità, ma non ho idea del suo vero nome; poi c'era qualcun altro o, forse, qualcos'altro... qualcosa di indistinto, un'ombra, forse un fantasma che ci guidava e aiutava nell'esplorazione di questo nuovo mondo.
Cosa ci facessimo in questo mondo parallelo non lo so proprio, forse é una semplice risposta alla mia voglia di risvegliare la fantasia, intorpidita dal troppo lavoro e dalle esigenze della vita quotidiana, un momento di fuga dalla realtà in un mondo tutto mio; forse qualcosa di diverso, più profondo e non ancora pienamente compreso... fatto sta che il sogno c'è stato e, cosa ancora più importante, ricordo qualcosa, anche se solo piccole immagini luminose che emergono dal tunnel di quel mondo parallelo.

Ecco, ci troviamo in una grotta buia... di fronte a noi si aprono caverne oscure e altre più luminose, tutte però riccamente popolate di esseri strani e fantastici, talvolta si percepisce la loro malvagità in uno sguardo sfuggente... altre volte sembra che soffrano, come noi esseri umani.

Un enorme bruco semi trasparente ci sorpassa, grande come un camion (improbabile come un millepiedi con le scarpe!) e prosegue sulla sua strada gettandoci un'occhiata sorpresa, come se l'unica cosa strana fossimo proprio noi!

Intravvedo in lontananza una figura lucida, bianca, circondata da altri esseri piccoli e scuri... un fantasma, mi dico nel silenzio di quei luoghi... si, infatti non si sentiva alcun rumore e anche le parole che scambiavamo all'interno del gruppo non erano parole ma assomigliavano più a pensieri... altri impulsi casuali?
Quella figura lontana era malvagia o almeno così mi apparve, aveva gli occhi rossi e, si sa, un essere bianco e con gli occhi rossi non può che essere cattivo!
Non era solo, sembrava a capo di quegli esseri malvagi, scuri e gobbi, che ci guardavano di traverso... chissà cosa passava per le loro menti, forse pregustavano il momento in cui si sarebbero nutriti di noi? Non lo so.

L'ambiente di colpo cambiò radicalmente e noi ci trovammo in un'ampia grotta leggermente in salita. Cercavamo di farci strada in mezzo ad una fitta coltre di coperte... e si, proprio coperte, lenzuola, copri letti e cuscini!
Che cosa ci facessero in una grotta non saprei dire, ma si sa, un sogno é un sogno!
Immediatamente venimmo trascinati via con forza, come per magia levitiamo nello spazio scuro, come trascinati da una forza immensa tra pareti scure di impossibili palazzi opera di un improbabile architetto.
Tutto era buio e silenzioso poi, come d'incanto, un motivetto canticchiato da chissà chi sembra rallentarci... inizio a fischiettare anch'io, consapevole che sarebbe stata la cosa giusta da fare e...

... così mi sveglio!
Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Traduttore - Translator

Post in evidenza

Radioattività elevata sull'Europa? Colpa del Rutenio-106, ma da dove proviene?

La notizia è apparsa i primi di ottobre, ma come al solito in Italia è passata sotto riga. Fatto stà che da ieri se ne riparla sui giorn...