Traduttore - Translator

giovedì 21 settembre 2017

Oracle Chatbot: presentata in diretta mondiale la nuova tecnologia basata su Artificial Intelligence

Mercoledì 20 settembre Oracle ha presentato, nella sua sede recentemente inaugurata a Roma, la nuova tecnologia Oracle Chatbot.
L’evento è stato presentato da Alessandro Beligi, Italy Sales Director Digital Engagement e Luca Postacchini, Business Development Mobile Strategy Manager,  in contemporanea con le altre sedi Oracle a Madrid, Londra, Chicago e San Francisco.


Cominciamo definendo un chat bot: Un chat bot è un programma che si basa sull’uso della Intelligenza Artificiale con il quale è possibile simulare una conversazione tra un essere umano ed un robot, questi vengono già ampiamente usati da numerose società a fini di marketing o per accompagnare alcuni servizi online (ad esempio l’online banking) o dai social network.
Nel lontano 2006 in America un chatbot sul sito goarmy.com , il cosiddetto SGT.STAR aiutava gli aspiranti militari rispondendo a semplici domande sull’arruolamento. Utilizzava una tecnologia simile sviluppata dalla CIA ed FBI.
Dal 2006 ad oggi i passi in avanti sono stati molti, il nuovo Oracle Chatbot è in grado di memorizzare le informazione che gli vengono date durante la conversazione ed elaborarle, svolgendo difatti il suo compito in maniera rapida ed efficiente.
Chatbot unisce in una sola interfaccia utente numerosi canali di servizio, avendo infatti l’integrazione per Facebook , Google Home, ecc.
Ma come si svolge una conversazione con un chatbot?
Alla base del funzionamento del bot vi è il NLP (Natural Language Processing) ed algoritmi di Machine Learning che permettono al programma di imparare pur senza essere programmato esplicitamente.
Un bot per funzionare correttamente deve:
-      conoscere l’Intent, ossia l’intenzione dell’utente, le sue esigenze più frequenti; nel caso del banking bot potrebbe essere la richiesta del saldo o di un trasferimento di denaro nel conto
-     avere un buon numero di Utterances, ossia frasi inerenti all’Intent che vengono date come esempio al bot, così che possa comprendere la domanda dell’utente in qualunque modo essa venga posta
-       riconoscere le Entities, ossia variabili che gli vengono date all’interno di un discorso come ad esempio le caratteristiche del prodotto di cui si sta parlando, come quantità, colore,taglia ecc.. nel caso di un bot che aiuta nello shopping.
Tutte queste caratteristiche permettono al bot di stabilire il modo migliore per aiutare l’utente.
La tecnologia del chatbot e più il generale l’Intelligenza Artificiale, come nell’esempio del SGT. STAR, possono aiutare il mondo della Difesa in vari modi. Un risponditore automatico intelligente potrebbe, probabilmente, prendere il posto di un centralinista.
Più in generale, in un momento storico come quello attuale, in cui la riduzione del personale militare è all’ordine del giorno, forse uno strumento simile potrebbe essere di ausilio nello svolgere compiti di routine di tipo informativo, consentendo un più oculato impiego del personale militare. La tecnologia del chatbot potrebbe divenire complementare all’uomo che potrebbe così dedicarsi a compiti in cui è richiesta la presenza umana.
Naturalmente ogni nuova tecnologia informatica ha sempre i suoi aspetti di rischio e in questo caso se ne dovrà tenere conto con particolare attenzione visto che si tratta di qualcosa di totalmente nuovo.
Francesco RUGOLO

Per approfondire:

Nessun commento:

Posta un commento