giovedì 10 marzo 2011

Giuseppe Flavio: Davide e la pestilenza...

La lettura di Antichità Giudaiche fa pensare a quanto differente fosse la religione Ebraica da quella Cristiana...
Dio è forse lo stesso, ma è visto in modo totalmente diverso.
Volete un esempio? 
Eccovi un brano tratto dal libro VII delle Antichità che potrebbe essere intitolato sarcasticamente "Dio è caritatevole e ci perdona"...

Davide aveva commesso un grave peccato, ordinando un censimento (senza rispettare le regole imposte per questa azione) al che:
"I profeti informarono Davide che Dio era in collera con lui; ed egli si volse a supplicare e a domandarGli di avere misericordia e perdonargli il suo peccato. Allora Dio gli inviò il profeta Gad a offrirgli di scegliere fra tre alternative, quella che giudicava migliore: poteva scegliere tra l'avvento di una carestia su tutta la regione per sette anni; o tre mesi di guerra contro i suoi nemici e subire una disfatta; o un morbo che colpisse gli Ebrei per tre giorni."

Ecco dunque che la misericordia di Dio scese sul popolo di Davide... Dio infatti "mandò agli Ebrei morbo e pestilenza; essi morivano, ma non tutti nella stessa maniera, sicché la malattia si potesse facilmente individuare; ma mentre dilagava un unico male, innumerevoli erano le cause..."

Ecco come viene rappresentato Dio... non voglio certo dire che fosse giusto o sbagliato, forse era semplicemente il modo adatto a quei tempi antichi!

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Guglielmo Marconi, un genio italiano

Guglielmo Marconi morì a Roma il 20 luglio del 1937, esattamente ottant’anni fa, per un attacco cardiaco. Con lui scompare un grande prot...