sabato 19 marzo 2011

Sardegna... la nostra Terra!

Sardegna...
la nostra Terra!

Così iniziava un post scritto qualche tempo fa nella speranza di svegliare dal torpore il maggior numero di Sardi possibile. Risultati? 
Nessuno!

Ricordo di aver provato ad evocare il sentimento di nostalgia per cercare di far presa su coloro che come me sono dovuti emigrare per lavoro...

Quindi ho cercato di risvegliare il sentimento patriottico che c'è (o almeno spero!) all'interno di ogni cuore nato in Sardegna, per l'Italia e per la nostra isola...

Quindi ho cercato di invogliare le persone ad aiutare una terra a mio parere abbandonata e senza guida

Infine ho cercato di far capire che da soli non si può far niente, che occorre unirsi e discutere e proporre idee e realizzarle, con lo scopo di lavorare tutti assieme per la nostra terra...

Ma tutto ciò non è servito a niente. Non una parola di incoraggiamento, non un'idea, niente di niente...

Ma allora, forse mi sbaglio, forse non occorre niente, forse sono solo io che vedo le cose peggio di quello che sono, forse la crisi non esiste se non nella mia testa forse...

Forse, ancora una volta, le persone aspettano la manna dal cielo perché lavorare e sudare per ciò in cui si crede non piace più a nessuno!?!

Ecco forse la risposta a questa ultima domanda è: SI!
A nessuno interessa più niente e dunque lasciamo perdere...

Nessuno ha tempo da perdere, nessuno sente la necessità di fare qualcosa, i gruppi non servono se alle spalle non c'è un miliardario disposto a far qualche piccola concessione per far credere a molti di poter diventare ricchi, al solo scopo di arricchire ancora di più!
Ecco cosa mi manca... i soldi! 
Ma chissà... se avessi i soldi sarei ancora così interessato a fare qualcosa per la mia terra senza chiedere niente in cambio?

Se siete con me, se avete voglia e tempo per fare qualcosa, anche piccola per la nostra Terra, allora unitevi al mio gruppo: Emigrati Sardi, uniamoci!

Se non avete tempo, voglia, o se non vi sentite più Sardi... lasciate perdere, il gruppo non fa per voi!

Vi aspetto numerosi... anche se so che non ci sarete!

Alessandro Giovanni Paolo RUGOLO

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Guglielmo Marconi, un genio italiano

Guglielmo Marconi morì a Roma il 20 luglio del 1937, esattamente ottant’anni fa, per un attacco cardiaco. Con lui scompare un grande prot...